Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Arriva il freddo: prima neve sui monti, pioggia e allagamenti. Maltempo fino a martedì fotogallery

Crollo delle temperature in tutta la regione, con freddo, temporali incessanti e primi fiocchi bianchi sul Matese. Miglioramenti attesi soltanto dal pomeriggio di martedì

Il Molise è piombato in pochissimo tempo in un anticipo di inverno dopo giornate di caldo quasi estivo. Crollo delle temperature che ha portato la prima neve sul Matese e in particolare, così come annunciato dagli esperti di meteoinmolise.com, fiocchi di neve hanno già imbiancato Capracotta e Campitello Matese (foto da meteoinmolise.com).

capracotta-neve-ottobre-2018-138630

Ma è l’intera regione a battere i denti per il gelo già da ieri sera 21 ottobre. Dopo una mattinata di clima gradevole, una perturbazione ha avvolto il Molise portando con sé una sorta di nubifragio che ha allagato alcune strade soprattutto a Campobasso e in alcuni quartieri periferici di Termoli.

Al momento la situazione dei canali a Rio Vivo non è preoccupante dal momento che l’acqua non ha ancora raggiunto i livelli di guardia. A creare disagi è la strada di Pantano Basso che collega Rio Vivo alla statale 16. Qui la pioggia battente, unita alla carenza di canali aperti, crea diversi allagamenti che occupano tutta la carreggiata in entrambi i sensi di marcia.

In via del Mare allagamento che colpisce ciclicamente il ponte che sovrasta l’autostrada. La pioggia fa i primi danni con uno smottamento di terreno che sta interessando un costone esterno ad una proprietà privata.

La pioggia battente della scorsa notte e quella del mattino, unite al temporale che sta imperversando ancora sulla costa, stanno mettendo a dura prova gli automobilisti ed i pedoni: a Termoli si segnalano disagi alla circolazione a causa di allagamenti diffusi sia sulle strade che sui marciapiedi, divenuti impercorribili.

Le situazioni peggiori si stanno verificando nelle periferie termolesi: nella zona del Sinarca ci sono diversi allagamenti che mettono a rischio la viabilità. Si circola con marce basse e a velocità molto ridotta. I canali sono pieni, ma non a rischio, anche se la vegetazione presente al loro interno rende difficile la circolazione dell’acqua ed il terreno, già provato dalle piogge delle scorse ore, non riesce ad assorbirla.

Non se la passa meglio la zona di Contrada Porticone dove, a partire dalla rotonda di via Volturno fino a giungere in Via Firenze, una distesa di acqua ha ricoperto il manto stradale. Anche qui si viaggia a rilento, cercando di evitare buche ed il fenomeno dell’aquaplaning. Le difficoltà maggiori sono riscontrate dagli autobus extraurbani, costretti a ridurre di molto la velocità.

maltempo-138670

Per fortuna non si sono registrate emergenze, tuttavia la pioggia ha ripreso a cadere per tutta la notte dopo una breve interruzione serale. Sembra essere arrivata tutta insieme la pioggia che era stata annunciata a più riprese sul Molise nelle ultime settimane e che invece aveva risparmiato la nostra regione.

La pioggia ha causato alcuni smottamenti del terreno anche al parco comunale ‘Girolamo La Penna’. Ad avere la peggio sono stati alcuni giochi, nei pressi del laghetto che un tempo ospitava le oche ed i cigni, su cui si è abbattutto un grosso albero. Sul luogo è intervenuta una pattuglia della Polizia Locale che ha provveduto a mettere in sicurezza l’area ed ha constatato l’assenza di pericoli o feriti.

Tuttavia è soprattutto il crollo delle temperature il dato da registrare in queste ore. A Campobasso la colonnina di mercurio fa segnare 7-8 alla voce minima, mentre sui monti del Matese si è approssimata allo zero favorendo la caduta dei primi fiocchi bianchi. Sulla costa invece temperature sui 16 gradi ma vento forte ancora per tutta la mattinata di lunedì. Se si pensa che a metà della scorsa settimana si camminava in strada a maniche corte, ci si rende conto di quanto repentino sia stato il cambio di clima.

Inoltre il meteo pare destinato a restare pessimo almeno per le prossime 24 ore, come confermato dalle previsioni di meteoinmolise.com. Forse solo da martedì pomeriggio o al più tardi in serata, il cielo dovrebbe tornare più sereno ma con temperature ormai decisamente autunnali.

generico-138635

Resta valida l’allerta arancione della Protezione civile regionale. Dalla serata di ieri, domenica 21 ottobre e per le successive 24-36 ore, previste sulla regione precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio o temporale, i fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Inoltre è prevista una criticità idrogeologica per i temporali e per il moto ondoso sulle zone B e C, ovvero “Frentani – Sannio – Matese, Litoranea”.

E’ stata quindi attivata una fase operativa regionale di attenzione per i fenomeni localizzati che prevedono: erosione, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango in bacini di dimensioni limitate; ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti); scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; danni localizzati a strutture leggere, occupazione dei piani viari da strutture leggere o oggetti instabili.

alberi-caduti-138681

A ciò si aggiungono poi mareggiate sulla costa con disservizi e pericolo per le strutture poco stabili sulla costa e difficoltà nella navigazione, specie sotto costa. La Protezione civile raccomanda perciò la prudenza per tutta la durata dell’allerta arancione.