Costretta a convivere con l’ex suocero che la tormenta, disperata chiama il 113

L'uomo aveva cercato di mettere contro la donna anche uno dei figli di lei. La polizia ha sequestrato le armi in casa legittimamente possedute e avviato le indagini per definire i contorni ancora poco chiari della situazione

Una giovane donna, quattro figli (di cui tre minorenni) e una storia di dolore e sofferenze causate da quello che una volta era suo suocero. E con il quale è ancora costretta a convivere.

Nel caso specifico, questa giovane, è di Isernia. Qui vive in un appartamento assieme ai suoi bambini. L’altra notte in preda ad un attacco di ansia dopo una lite furibonda con l’anziano, ha chiamato il 113 e chiesto aiuto prima che la situazione degenerasse.

E’ stato infatti il pronto intervento della polizia ad evitare che accadesse il peggio. Giunti nell’appartamento gli agenti hanno prima di tutto ripristinato la calma. Hanno poi tranquillizzato la giovane che era in uno stato confusionale dovuto al panico e alla paura di subire una qualche aggressione e hanno poi provveduto

In seguito hanno ascoltato i familiari per ricostruire quanto era appena successo e in via precauzionale, hanno scelto di ritirare le armi legittimamente possedute dal figlio della donna.

Ora sono in corso le indagini per capire la posizione dell’anziano suocero che avrebbe minacciato la donna istigando anche il figlio contro la madre.

E’ stato attivato pure il protocollo Eva, così come previsto nei casi di violenza in famiglia, con l’ascolto protetto della vittima, per garantirle la riservatezza e fornirle  informazioni complete circa gli strumenti a disposizione per contrastare questo grave reato, oltre al supporto psicologico e legale.