Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

C’è il bando per ristrutturare i bagni pubblici, ma per fare la pipì bisognerà pagare

Dopo aver approvato il progetto esecutivo, il Comune di Campobasso ha pubblicato l'avviso per i lavori di rifacimento delle toilette di via Cavour e di via Palombo. In quest'ultimo caso i bagni, chiusi dallo scorso dicembre dopo i controlli dei Carabinieri del Nas, "saranno a pagamento". La novità emerge dalla relazione tecnica allegata al bando.

Mi scappa la pipì. A Campobasso bisognerà stare ‘attenti’ quando si esce di casa: se si ha necessità di utilizzare i bagni pubblici di via Palumbo e di via Cavour, occorrerà mettere mano al borsellino e controllare di avere sempre qualche moneta a disposizione. I bagni pubblici del centro città che saranno ristrutturati con i 100mila euro stanziati dal Comune diventeranno infatti a pagamento.

E’ quanto scritto nella relazione tecnica allegata all’avviso pubblico per la riqualificazione delle due toilette. Il bando è stato pubblicato ieri – 9 ottobre – sul sito istituzionale del Comune che ha avviato un’indagine di mercato tra gli operatori economici interessati ad effettuare i lavori programmati dalla giunta Battista che, agli inizi dello scorso agosto, ha approvato il progetto esecutivo proposto dall’assessore Pietro Maio.

“Ripristineremo il decoro dei bagni pubblici e provvederemo al rifacimento degli impianti idrici, sanitari ed elettrici, oltre a dotare di tornelli gli ingressi e all’installazione di telecamere di videosorveglianza per garantire la sicurezza e impedire eventuali atti vandalici”, annunciò il titolare dei Lavori pubblici.

Un provvedimento reso necessario dopo i controlli dei Carabinieri del Nas che lo scorso dicembre hanno dichiarato le toilette di via Palumbo inagibili. Sul pavimento dei locali c’erano feci e siringhe utilizzate da qualche tossicodipendente. Dunque, una situazione molto pericolosa per chiunque fosse entrato in caso di bisogni fisiologici.

Per questo, con una ordinanza firmata dal sindaco Antonio Battista il 14 dicembre del 2017, il bagno pubblico di via Palumbo è stato chiuso ed è attualmente inutilizzabile. Otto mesi dopo, l’approvazione del progetto esecutivo. Ora il bando per i lavori. Nel dettaglio sono previsti “la demolizione e la sostituzione dei rivestimenti dei vecchi sanitari, la rimozione degli infissi interni, il rifacimento dell’impianto idrico e la revisione dell’impianto elettrico”.

Ma la vera novità è un’altra: l’istallazione di tornelli, così come aveva preannunciato l’assessore Maio, serviranno “per regolarizzare gli ingressi ai servizi che saranno a pagamento ad una tariffa che sarà successivamente impostata e sarà garantita la sicurezza da un sistema di videosorveglianza. Le telecamere – si legge ancora nella relazione tecnica – saranno poste soltanto all’ingresso per l’eventuale individuazione dei frequentatori che possono arrecare danni alla struttura e per la videosorveglianza delle gettoniere”.

Dunque per usufruire dei bagni pubblici sarà necessario pagare. Un po’ come avviene quando si va in gita turistica nei luoghi d’arte o nelle stazioni delle città più grandi dove bisogna tirare fuori un euro per poter fare la pipì. Speriamo che a Campobasso la tariffa sia più bassa. O bisognerà rinunciare pure al caffè al bar.