Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Villetta via Leopardi ripulita dai volontari. “C’è ancora tanto da fare e non possiamo certo rimpiazzare il Comune”

Fare Verde e migranti dell'Eden hanno tolto le erbacce dalla villetta di via Leopardi abbandonata dal Comune. L'appello dei volontari: "Mancano arredi e panchine, la pavimentazione è sconnessa e ci sono alberi da potare, il Comune intervenga coi suoi mezzi".

Non è attrezzata con giochi o panchine ma è comunque uno spazio senza automobili, quindi sicuro per i bambini, e al servizio del quartiere. Stiamo parlando della villetta di via Leopardi, abbandonata da mesi e invasa, fino a 24 ore fa, da erbacce spuntate persino tra la pavimentazione in mattoni.

E’ bastato un pomeriggio di lavoro per riportarla a uno stato di decoro minimo. Il Comune di Campobasso, però, non c’entra nulla. Il merito è solo dell’associazione ambientalista Fare Verde e dei richiedenti asilo che si trovano nei centri di accoglienza dell’Eden i quali, periodicamente, si armano di zappe e buona volontà per collaborare coi volontari nell’ambito del progetto Azione&integrAzione

fare verde a via leopardi

“L’area, inspiegabilmente esclusa da ogni forma di manutenzione pubblica, è stata bonificata dall’invasione della vegetazione spontanea e ripulita dai rifiuti – scrivono sul blog di Fare Verde -. Particolarmente ostica si è rivelata la rimozione dei robustissimi cespugli che avevano invaso gli interstizi tra le betonelle che ricoprono il piazzale che, infatti, in alcuni punti si presenta sconnesso e bisognevole di interventi di ripristino”.

Raccogliendo le sollecitazioni di tantissimi cittadini del quartiere “rivolgiamo un appello all’amministrazione comunale affinché l’area venga regolarmente inserita nel piano manutenzioni comunale; c’è ancora tanto da fare e le iniziative di volontariato non possono certo rimpiazzare del tutto il ruolo e le competenze delle amministrazioni: il piazzale necessita comunque di una robusta spazzatura meccanica, vi sono ancora delle zone che necessitano dello sfalcio della vegetazione, mancano arredi e panchine mentre vi sono ben due strutture gioco inutilizzate ma in buone condizioni alle quali andrebbero semplicemente applicati i seggiolini per le altalene, c’è da dare una sistemata a molti alberi bisognosi di potature”.

Insomma, se il Comune fino a oggi se ne è lavato le mani, potrebbe ancora recuperare terreno anche in vista della imminente riapertura della scuola Don Milani che si trova a due passi dalla villetta.