Nuovo anno scolastico, gli auguri del Presidente Toma: “Lavoreremo per la sicurezza” foto

Anche il presidente della Regione Molise Donato Toma e il Consiglio Regionale, attraverso il Presidente del Consiglio Salvatore Micone, intervengono a poche ore dall’inizio del nuovo anno scolastico per un messaggio di augurio a chi domani, in modi diversi, sarà protagonista dell’inizio di un nuovo percorso.

«Nell’immaginario collettivo – scrive il governatore del Molise – il primo giorno di scuola, pur nella sua rituale ciclicità, è un fatto che evoca sempre nuovi e forti sentimenti. È, innanzitutto, un momento di festa coinvolgente per studenti, genitori, insegnanti, che si rimettono in cammino per un progetto condiviso che li terrà impegnati per i prossimi nove mesi. È il giorno dell’emozione e della curiosità per un nuovo percorso didattico, rispetto al quale ciascun discente si accinge a scoprire e apprendere argomenti nuovi che andranno ad arricchire le sue conoscenze e i suoi saperi.

È il giorno dell’accoglienza, in cui i docenti ricevono i ragazzi con il sorriso sulla bocca e a braccia aperte, ben consapevoli di quanto sia delicata e importante la loro mission. È il giorno della speranza, perché il destino del Molise e dell’intero Paese è legato al problema della formazione dei nostri ragazzi, alla loro capacità di acquisire conoscenze e trasformarle in competenze.

In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo – aggiunge Donato Toma – è necessario che la scuola sia luogo dove ognuno possa sviluppare le proprie attitudini, ma anche fucina di eccellenze che possano far ripartire lo sviluppo dei nostri territori. Non v’è democrazia, non esiste piena libertà, se mancano istruzione, formazione e cultura. Il decadimento morale procede di pari passo con quello culturale, anzi parte proprio dall’assenza di quest’ultimo. La scuola, perciò, deve essere il presidio di base per riaffermare quei valori ai quali si richiamarono i nostri padri costituenti, in mancanza dei quali non v’è futuro.

Non posso esimermi dal fare un cenno alla sicurezza nelle scuole. Lo faccio con il pudore e la consapevolezza di chi è al governo di questa regione da soli quattro mesi e si rende conto di quanto grosso sia il problema. Molto è stato fatto in questi anni, ma parecchio resta ancora da fare. Mi piacerebbe, in uno dei prossimi messaggi augurali, poter affermare che tutte le scuole nel Molise sono in sicurezza. Non so dire quando ci riusciremo, ma posso assicurare che ci batteremo con tutte le nostre energie affinché il Governo nazionale finanzi un Piano di intervento straordinario per la messa in sicurezza e la costruzione di scuole antisismiche.

A nome mio e dell’intera Giunta regionale, desidero rivolgere un cordiale saluto e fare gli auguri per un proficuo anno scolastico alle ragazze, ai ragazzi, alle famiglie, al dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, Anna Paola Sabatini, ai dirigenti scolastici, ai docenti e al personale ata delle scuole molisane di ogni ordine e grado».

Con il presidente, anche il Consiglio Regionale esprime l’augurio per il nuovo anno scolastico. “Se, come sosteneva Nelson Mandela, “l’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo”, si comprende bene quale importanza abbia l’avvio delle lezioni non solo per i ragazzi e per il personale della scuola, ma per tutto il Molise – si legge nella nota del  Presidente del Consiglio Regionale Salvatore Micone – Un’istruzione saggia e capace di produrre discernimento, una formazione qualificata e spendibile in un mercato del lavoro sempre più esigente –ha continuato il Presidente Micone- ora più che mai possono essere una possibilità singola e collettiva di ripresa, di crescita e di sviluppo per l’intero territorio regionale, non mancando, ovviamente, di rappresentare oggi come ieri uno sprone personale per ogni ragazza e ragazzo alle prese con le incognite e le incertezze di un futuro che non si conosce ma che si è chiamati a costruire.

Consiglio regionale Molise Micone

Implementare le conoscenze dei giovani –ha aggiunto- per educarli al bello, per insegnare loro ad apprezzare l’ambiente e la storia della propria terra, e in generale del creato, è senza dubbio un obiettivo di civiltà primario, come lo è quello alla protezione della natura e del patrimonio artistico che ci viene dal passato. Basi di sostanza su cui costruire un percorso personale di ogni alunno che lo porti a realizzare le proprie aspettative dando nel contempo un contributo alla crescita e allo sviluppo della propria regione. Alle istituzioni, al mondo delle professioni e come ad ogni altro cittadino è dato il compito di assecondare, accompagnare e proteggere il percorso educativo di ogni ragazza e ragazzo che riprende il suo ciclo scolastico. Nell’assicurare il diritto allo studio la Repubblica investe su ciascuno studente facendo un giusto affidamento futuro sul suo impegno personale a cambiare in positivo il mondo per ridurre le disuguaglianze, per contrastare le ingiustizie, per affermare la cultura della legalità, della sussidiarietà e della solidarietà.

A nome di tutto il Consiglio regionale –ha concluso Micone -, formulo quindi ai ragazzi e alle loro famiglie, agli insegnanti e a tutto il personale del complesso e variegato mondo dell’istruzione, gli auguri di un anno scolastico proficuo, pieno di spunti positivi e capace di consentire a tutti di fare un passo in avanti nel lungo cammino di crescita e di mutazione che deve vedere sempre impegnata ogni civiltà che intende dirsi evoluta”.

A lui si aggiungono anche gli auguri della Consigliera Filomena Calenda. “Ancora qualche ora e la campanella darà il via al nuovo anno scolastico – si legge nella nota – Studenti e insegnanti si ritroveranno tra quei banchi ad animare quel rito fatto di emozioni e sensazioni. La scuola è l’Istituzione – ha dichiarato la Consigliera – che insieme alla famiglia gioca un ruolo fondamentale nella società e proprio la Scuola è chiamata a svolgere il delicato compito dell’ educazione e formazione di un individuo. La Scuola impartisce non solo insegnamenti didattici, ma anche e soprattutto lezioni di vita ai nostri giovani, il nostro futuro.

Consiglio regionale Molise

I miei più sinceri auguri vanno proprio ai protagonisti, agli oltre 39 mila studenti, ai genitori, ai dirigenti scolastici, agli insegnanti e a tutto il personale non docente. Ognuno di noi sarà chiamato a svolgere il proprio ruolo chiave in questo gioco di squadra per la crescita dei nostri figli, ciascuno per le proprie competenze. L’augurio è che sia un anno sereno, ricco di esperienze positive, fatto di sorrisi, strette di mano e di una sana e consapevole reciprocità”, ha concluso.