Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Le scuole di Guglionesi sono sicure, il Prefetto respinge il ricorso dei genitori

Via libera al trasferimento degli alunni del Liceo Pedagogico e Linguistico in via Catania. Lunedì la prima campanella

Il Prefetto di Campobasso Maria Guia Federico ha respinto il ricorso presentato tramite l’avvocato De Caro da alcuni genitori degli alunni iscritti al Liceo delle scienze umane e linguistico di Guglionesi contro l’ordinanza del sindaco che aveva disposto il trasferimento degli stessi studenti in seguito al terremoto del 16 agosto.

In tempo per l’inizio dell’anno scolastico, che partirà a Guglionesi lunedì 17 settembre come da ultima ordinanza, non sembrano dunque esserci più al momento ostacoli alla ripresa regolare delle lezioni. Confermato pertanto il trasferimento degli alunni del Liceo di via Colombo, che dovrà essere coinvolto da lavori urgenti in seguito alle lesioni delle tramezzature, nel plesso della scuola media di via Catania.

Parimenti confermato il trasferimento degli studenti della scuola media di via Catania nel plesso delle elementari di Piazza Indipendenza. Entrambi gli istituti, quello di via Catania e quello di Piazza indipendenza, sono risultati completamente idonei da tutti i punti di vista inerenti la sicurezza dei luoghi. Le ispezioni e verifiche approfondite che si sono svolte il 13 e 14 settembre scorsi non hanno messo in evidenza alcuna criticità, nemmeno per quanto riguarda la vicinanza della scuola media al palazzo giudicato a rischio crollo di via Martiri d’Ungheria, sul quale è in corso una perizia tecnica.

L’edificio di via Catania infatti non rientra nel perimetro di ipotetico crollo del condominio. Il Prefetto ha pertanto respinto il ricorso sulla base delle relazioni di vigili del fuoco, Ufficio tecnico del Comune di Guglionesi, Arpa Molise, Asrem di Campobasso, direzione scolastica di entrambi gli istituti, oltre che regione Molise tramite il dipartimento del governo del territorio e provincia di Campobasso.

Guglionesi

“Rilevato che alla stregua delle risultanze emerse a seguito delle verifiche disposte, così come riportate nelle relazioni che si allegano al presente provvedimento, non emergono elementi idonei a giustificare la richiesta sospensione, né l’annullamento o la revoca del provvedimento impugnato, fermo restando l’adempimento da parte delle istituzioni competenti delle prescrizioni impartite dagli organi tecnici che hanno relazionato in merito”. Prescrizioni che sono già state tutte realizzate e la comunicazione è arrivata al prefetto di Campobasso proprio poco fa.

Questa la sintesi del provvedimento che ora apre ad alcuni adempimenti necessari, come la realizzazione, che peraltro è già in corso di esecuzione, di una barriera di un metro e mezzo posizionata nel cortile della scuola media, come indicato durante il sopralluogo, il cui obiettivo è impedire la praticabilità della fascia terminale del cortile.