Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Iorio chiede un posto in giunta, Toma: “Valuteremo in maggioranza la sua legittima richiesta”

Dopo la riabilitazione politica di Michele Iorio, che dalla prossima settimana tornerà in Consiglio regionale, il governatore Donato Toma è chiamato a valutare la sua richiesta di un posto nella giunta: "Convocherò presto la maggioranza ma prima voglio parlare con lui"

Ci sarà un confronto nei prossimi giorni tra il governatore Donato Toma e il consigliere regionale Michele Iorio su un suo eventuale ingresso in giunta. Dopo questo primo “faccia a faccia” il presidente della Regione Molise convocherà i rappresentanti della sua maggioranza “per valutare la richiesta condividendo con loro – come ho fatto dall’inizio della legislatura – la decisione”.

Il giorno successivo alla conferenza stampa di Iorio il clima nel centrodestra è più frizzante, ravvivato, come era facile prevedere, dal suo ritorno a Palazzo D’Aimmo. Con l’assoluzione in Cassazione per la vicenda Zuccheropoli il riabilitato Michele Iorio può tornare tra i banchi dell’aula di via IV Novembre. E questo ritorno potrebbe valergli anche subito una ‘promozione’ nella squadra di governo di Toma.

iorio-michele-137369

Quando il presidente lavorava alla composizione dell’Esecutivo sapeva già che Iorio – pur volendo – non ne avrebbe potuto far parte a causa della legge Severino che lo sospendeva dalla carica per la sua condanna in Appello. Lui “ma anche Fratelli d’Italia”, come ha ricordato lo stesso Iorio ieri, non condivisero affatto quell’assetto.

Adesso che il terzo e definitivo grado di giudizio è stato emesso non ci sono più ostacoli sul cammino di Michele Iorio il quale ha subito sfoderato le unghie e chiesto il rimpasto (un allargamento non è possibile visto che la giunta è già a cinque).

“La posizione di Iorio è stata già considerata all’epoca – dice oggi Toma – ma oggi il suo desiderio legittimo mi spinge a fare una valutazione che ho intenzione di condividere con la maggioranza dopo aver parlato direttamente con lui di questa cosa e capito i suoi intendimenti sul piano dell’impegno amministrativo. Intanto voglio dargli il benvenuto”.