Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Costruite anche 35 anni fa, il Comune ‘svende’ le sue case popolari: “Reinvestiremo per nuovi alloggi”

Le case comunali di via Sardegna e via Toscana saranno messe in vendita per ricavare denaro da reinvestire in nuovi alloggi popolari in città. La seconda fase del Progetto di alienazione, partito con il riscatto degli appartamenti di via San Giovanni, entra nel vivo. Chi vorrà continuare a rimanere in affitto potrà farlo.

Dopo le case popolari di via San Giovanni e dintorni, anche agli inquilini di via Toscana e via Sardegna il Comune di Campobasso offre la possibilità di riscattare l’immobile. La seconda fase del Programma di alienazione approvato dal Consiglio municipale a luglio del 2017 per mettere in vendita 293 alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp) entra nel vivo.

Trentasei appartamenti realizzati nel 1985 (via Toscana 71, 79, 87) e altri 12 del 1983 (via Sardegna 73) potranno essere comprati dai loro occupanti che fino a oggi hanno pagato un canone mensile di affitto. Gli stessi avranno anche la possibilità di continuare a restare affittuari comunali.

“L’operazione che portiamo a termine con questa seconda fase del programma – ha spiegato l’assessore al patrimonio Massimo Sabusco non va nella direzione di fare cassa: tutti gli introiti della eventuale vendita sono vincolati per le ristrutturazioni degli alloggi comunali o per la realizzazione di nuove case popolari”.

Massimo Sabusco

Sul punto la delibera 202 del 13 settembre scorso è chiara: “Le risorse derivanti dall’alienazione degli alloggi Erp restano nella disponibilità degli enti proprietari e saranno reinvestite per l’attuazione di programmi straordinari di recupero e razionalizzazione del patrimoni esistente, per l’acquisto e, solo in mancanza di adeguata offerta di mercato, per la costruzione di nuovi alloggi Erp”.

 

L’obiettivo finale è quello di ricavare dalla vendita circa 9 milioni di euro, questa è la stima fatta a suo tempo dai tecnici comunali. Somma che in un primo momento potrebbe sembrare troppo esigua rispetto alla vendita di quasi 300 alloggi. Ma stiamo parlando di case molto vecchie costruite   anche 35 anni fa e dunque non rispettose dei moderni standard di sicurezza su efficientamento energetico e antisismicità.

Ecco perché il prezzo della vendita oscilla tra i 50 e i 70 mila euro per appartamenti che superano anche i 100 metri quadri.