Addio al parroco ultracentenario, muore a 103 anni don Riccardo Mucciarella

Più informazioni su

È morto nelle scorse ore il parroco ultracentenario don Riccardo Mucciarella, all’età di 103 anni. A dare l’annuncio pubblico il vescovo Gianfranco De Luca e il Presbiterio della Diocesi di Termoli Larino. I funerali del sacerdote saranno celebrati venerdì 14 settembre, alle 10.30, nella chiesa di San Rocco a Montelongo, suo paese di origine.

“È significativo constatare – ha osservato il vescovo De Luca – che l’esistenza terrena di don Riccardo si sia conclusa tra le braccia della mamma del Cielo, nel giorno in cui abbiamo ricordato proprio il Santissimo Nome di Maria, e che anche il momento della celebrazione dell’eucaristia dedicata al nostro fratello sacerdote avvenga nel giorno in cui ricorre la festa dell’esaltazione della Santa Croce, vittoria di Cristo sulla morte. Due circostanze che segnano una vita compiuta nel Signore al servizio dei fratelli. A Cristo, sacerdote eterno, consegniamo don Riccardo in preghiera e con senso di gratitudine per l’opera prestata e dedicata con zelo e competenza pastorale all’intera comunità diocesana”.

Don Riccardo era nato l’8 marzo 1915 a Montelongo dove ha iniziato la sua formazione didattica per poi completare la prima fase studi al seminario vescovile di Larino. È stato ordinato diacono nel dicembre 1939 al seminario regionale di Benevento per le mani di monsignor Gioacchino Pedicini (vescovo di Ariano Irpino), per poi ricevere il presbiterato il 23 giugno 1940 in Cattedrale a Larino per le mani di monsignor Oddo Bernacchia, Vescovo di Larino e di Termoli.

È stato parroco prima a Larino e poi a Bonefro per oltre 40 anni. Ha ricoperto anche il ruolo di Rettore della chiesa di San Giacomo a Santa Croce di Magliano, mentre nel 2001 ottenne dal vescovo Tommaso Valentinetti di poter ritornare al paese di origine dove si era reso disponibile alla collaborazione pastorale con il parroco pro-tempore “offrendo un valido e prezioso contributo anche nella zona pastorale di Santa Croce.

Come insegnante di religione cattolica – spiega oggi la diocesi – ha formato generazioni di giovani ai princìpi e ai valori cristiani. Ha partecipato sempre e attivamente a ogni incontro di clero a livello diocesano e zonale”.

Più informazioni su