Sicurezza in acqua: coste super sorvegliate grazie a Vigili del Fuoco e Capitaneria foto

Spiagge e mare più sicuri grazie ai servizi di salvamento nell’ambito del patto ‘Sicurezza in acqua’. Il presidio sarà costituito da Vigili del Fuoco con moto d’acqua e gommoni e dalla Capitaneria di Porto con le motovedette.

I Vigili del Fuoco del comando provinciale di Campobasso sorveglieranno la costa, assieme alla Capitaneria di Porto di Termoli, per garantire la sicurezza dei bagnanti per tutto il mese di agosto. Il protocollo di intesa ‘Sicurezza in acqua’, siglato in accordo con la Regione Molise che ha inviato l’assessore all’ambiente Nicola Cavaliere, con la Prefettura che era presente con il vice prefetto vicario Pierluigi Pigliacelli e con i Comuni di Termoli, Petacciato, Campomarino e Montenero di Bisaccia, garantirà un presidio di salvamento acquatico sulle coste molisane. Il patto è stato firmato mercoledì 1 agosto dai rappresentanti dei vari enti, riuniti nella sala consiliare del Comune termolese. Presente anche una delegazione termolese del 115 con il capo distaccamento Aldo Ciccone e la Capitaneria locale con il Comandante Francesco Massaro.

L’obiettivo è garantire non solo la sicurezza dei bagnanti lungo i 36 km di costa molisana, che nel periodo di agosto vede un afflusso notevole di turisti, ma anche quello di facilitare il soccorso di mezzi e persone in difficoltà: “Nel momento in cui ci sarà un’emergenza – ha affermato il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Cristina D’Angelo – le forze confluiranno tutte assieme ed agiranno per risolvere il pericolo. La postazione fissa è ubicata al Circolo della Vela di Termoli, ma le due pattuglie faranno il percorso in maniera continua e costante lungo tutta la costa. I soccorsi saranno sempre coordinati dalla Capitaneria di Porto”.

La sinergia messa in campo consentirà non solo di prevenire le emergenze in mare, ma offrirà all’utenza un servizio composto da personale altamente qualificato in grado di ridurre i tempi di soccorso. Il presidio sarà costituito da un equipaggio di quattro unità dei Vigili del Fuoco, formate ed attrezzate con una moto d’acqua, un gommone e un battello pneumatico: “Recupereranno sia eventuali mezzi in avaria, sia persone che avranno bisogno di essere soccorse – ha confermato D’Angelo –. Alla moto d’acqua, infatti, è possibile attaccare una barella per facilitare il trasporto dei pazienti. Abbiamo potenziato il numero di uomini impegnati rispetto allo scorso anno, grazie a corsi di alta formazione svolti in primavera”.

Un’attività importante, come sottolineato dal sindaco termolese Angelo Sbrocca, che “garantirà il salvataggio di vite umane e fornirà un aiuto concreto a chiunque dovesse trovarsi in difficoltà in mare aperto. I mezzi a disposizione consentiranno di intervenire anche in condizioni meteorologiche particolari e con mare mosso”.

La convenzione ricalca il percorso già avviato lo scorso anno, quando fu firmato lo stesso protocollo, e si inserisce nel quadro dei risultati positivi raggiunti durante le attività di pattugliamento della costa. “Saremo presenti a partire dal 3 agosto, in particolare nei fine settimana – ha continuato D’Angelo –. A cavallo di ferragosto offriremo un servizio quotidiano per dieci giorni dalle ore 10 alle 18”.

Soddisfatta la Prefettura che, attraverso il suo rappresentante – il vicario Pierpaolo Pigliacelli – ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa “per la collettività e che mira a garantire un più elevato livello di sicurezza”. Non solo una firma, ma un vero e proprio patto di salvataggio della Regione Molise che “ha il diritto ed il dovere – ha affermato l’assessore Nicola Cavaliere – di offrire la massima sicurezza a chi vuole vivere in tranquillità il nostro territorio”. Tanta gratitudine è stata espressa dai sindaci della Costa dei Delfini, in particolare dai primi cittadini Nicola Travaglini e Roberto Di Pardo rispettivamente dei Comuni di Montenero e Petacciato e da Paola Cantelmi, presidente del Consiglio di Campomarino: “Il patto rappresenta una risposta concreta per la cittadinanza e per i tanti turisti che scelgono la nostra zona come meta per le loro vacanze, offrendo loro non solo un mare pulito ma soprattutto più sicuro”.

In caso di emergenze in mare sono a disposizione i numeri della Guardia Costiera 1530 e quello dei Vigili del Fuoco 115.