Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Nigeriano tenta di stuprare una 16enne, salvata da tre egiziani

Un extracomunitario a Isernia ha molestato una ragazza dopo aver provato a sottrarle il telefonino. È stato arrestato dalla polizia.

È primo pomeriggio quando una giovane studentessa di Isernia passeggia vicino al dopo-lavoro ferroviario del capoluogo pentro in compagnia di tre amici egiziani.

Il caffè, una chiacchiera e l’incontro con un giovane nigeriano apparentemente innocuo che però, tentando di approcciare con il gruppo di giovani, prova goffamente a derubare la minore del telefonino.

Quando la ragazza si accorge dell’azione e tenta di andare via aiutata dai tre connazionali extracomunitari con i quali stava chiacchierando, il nigeriano infastidito dall’accaduto inizia a palpeggiarla incurante dell’ammonimento che aveva appena ricevuto.

Ecco allora l’intervento più forte e deciso dei tre egiziani che dà vita ad una lite accesa e scatenata. Dalle parole ai fatti il passo è breve: lancio di bottiglie e oggetti vari assieme alle urla, in un primo pomeriggio d’estate, hanno attirato l’attenzione di una pattuglia della polizia che è subito intervenuta sul posto.

La giovane agli agenti ha quindi denunciato cosa era accaduto negli istanti precedenti, forte della testimonianza di altre persone che avevano assistito alla scena e che quindi avevano visto il nigeriano molestarla e i tre egiziani intervenire in suo aiuto. Ciò ha consentito ai poliziotti di procedere con l’arresto del migrante. L’uomo, dopo le formalità espletate negli uffici della Questura, è stato rinchiuso nel carcere di Ponte San Leonardo.

Intanto continuano i controlli straordinari del territorio ordinati dal questore Roberto Pellicone che sin dai primi giorni del suo insediamento aveva annunciato un aumento delle misure di prevenzione soprattutto per quanto riguarda lo spaccio di droga e i reati contro la persona. Da qui l’inasprimento dei controlli e i riflettori delle pattuglie su alcuni dei luoghi sensibili della provincia di Isernia, tra cui proprio la zona della stazione ferroviaria, particolarmente nota per movimenti inerenti lo smercio di sostanze stupefacenti.