Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Lavoro, voucher per le donne che assistono familiari anziani: c’è l’avviso

Aiutare le donne che lavorano e che assistono familiari anziani. La misura, prevista dall’avviso ‘Conciliamo’, attivato dalla Regione Molise grazie al Fondo Sociale Europeo, rivolto agli ambiti territoriali sociali. A darne notizia sono l’Autorità per i diritti e le pari opportunità della Regione Molise e la Consigliera di Parità provinciale Giuditta Lembo.

Si tratta di un intervento volto a dare un sostegno concreto alle donne da un lato, favorendo, con tale misura, la loro permanenza nel mercato del lavoro, dall’altro, sostenendo l’incremento dell’occupazione femminile.

“Nello specifico – spiega la Lembo –  il sostegno si rivolge alle donne in età lavorativa che hanno in carico lavori di cura familiare, per favorire la partecipazione delle stesse a percorsi di politica attiva o facilitare la loro partecipazione al mondo del lavoro, attraverso l’acquisizione di servizi per gli anziani non autosufficienti presenti nel nucleo familiare. L’intervento contribuirà anche a fare emergere anche l’eventuale sommerso connesso a tali tipologie di prestazioni. Le destinatarie dell’intervento sono le donne in età lavorativa dai 18 ai 65 anni (inattive, disoccupate e occupate) che assistono un anziano (persona di età superiore a 65 anni), entro il 2° grado di parentela o affinità, non autosufficiente e assistito in ADI.

Il voucher di conciliazione punta ad evitare che le donne lascino il loro posto di lavoro perché non riescono a conciliarlo con la cura di un anziano. “Il tema della conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro – continua Giuditta Lembo –  mette in luce gli aspetti problematici della gestione del tempo, bene prezioso e sfuggevole nella nostra quotidianità. L’opportunità offerta dall’Avviso, pubblicato sul sito moliseineuropa.regione.molise.it/fse nella voce Avvisi e Bandi,    è particolarmente importante, perché consente l’erogazione di voucher per l’acquisizione di servizi alle persone che, trovandosi in uno stato di oggettiva difficoltà, derivante dal rendere compatibili fabbisogni formativi e lavorativi con i vincoli di carattere familiare, possono disporre di servizi di cura e di natura assistenziale senza doverne sopportare totalmente la relativa spesa”.

La data di apertura dell’avviso è alle ore 9 del 1 ottobre, quella di chiusura alle ore 18 del 31 ottobre.