Il filtro “Natural night” in prova a Termoli, quando la luce è quella giusta

Nel tardo pomeriggio di sabato 25 agosto l’ Ambassador della Nisi (società leader in Italia nella produzione di filtri fotografici ) Andrea Burla in collaborazione col circolo fotografico “Frammenti” ha permesso ai soci del circolo di provare i propri eccellenti prodotti.

Chi si cimenta nella fotografia paesaggistica sa che è difficile – se non impossibile – fare a meno dei filtri fotografici. Ne esistono di svariati tipi, ognuno destinato a una specifica circostanza. La luce cambia continuamente durante la giornata e potersi avvalere dei filtri per fronteggiare le situazioni più complicate è la prima condizione necessaria per garantire una perfetta riuscita dello scatto.

Andrea Burla prima di concedere agli iscritti la possibilità di provare sul campo i prodotti della Nisi ha tenuto una brevissima lezione riguardo l’utilizzo dei filtri per permettere anche ai neofiti di familiarizzare con i suoi articoli. I primi filtri ad essere stati introdotti sono stati i filtri GND. Queste particolari lastre permettono di ottenere una giusta gamma dinamica della fotografia senza dover ricorrere ad ore di elaborazione in post-produzione per ottenere un risultato in ogni caso non privo di errori. In parole povere, con l’utilizzo dei suddetti filtri (spesso anche sovrapposti fra loro come ha perfettamente spiegato Burla) è possibile fotografare un paesaggio senza correre il rischio di “bruciare” eccessivamente il cielo o di scurire ciò che si trova in primo piano.

L’articolo che ha suscitato il maggiore interesse però è stato il filtro “Natural night”, ovvero un particolare prodotto capace di ridurre fino ad annullare del tutto l’inquinamento luminoso, vero nemico di tutti i fotografi paesaggisti. La lastra è stata provata da tutti i soci del circolo con risultati straordinari. Confrontando le fotografie fatte con e senza filtro la differenza è netta: alcune dominanti verdi e gialle, dovuto all’inquinamento generato da luci e lampioni, risultano assenti se viene applicato il filtro. Il risultato finale è una foto del tutto naturale, con le luci perfettamente bilanciate e – di conseguenza – con una grossa mole di lavoro in meno da svolgere in post-produzione.

La serata si conclude con la soddisfazione di tutti i partecipanti. La grande disponibilità di Andrea Burla e la splendida capacità nel descrivere i vantaggi dei prodotti della Nisi hanno permesso ai soci di scoprire la differenza fra un filtro di qualità eccelsa e quelli più economici. Per riuscire a realizzare foto il più vicine possibili alla realtà non si può non ricorrere ai filtri fotografici, e chiunque abbia avuto dubbi o perplessità sulla scelta dei prodotti sicuramente dopo la prova sul campo avrà deciso cosa acquistare.