Quantcast

Viaggio tra i tesori lasciati da Di Zinno: nasce il museo itinerante nelle chiese più belle del centro storico

Sono iniziati gli eventi per celebrare i 300 anni dalla nascita di Paolo Saverio Di Zinno, lo scultore che ha realizzato i famosi Misteri di Campobasso. Contestualmente a tale ricorrenza è stato organizzato un giro tra le chiese del centro storico per ammirare le sue opere: è in programma: 22 e 29 luglio e 5, 12, 19 e 26 agosto. E' il tour estivo che stavamo aspettando.

di Maurizio Cavaliere

E’ partito ufficialmente ieri – 20 luglio – il viaggio nella storia di Paolo Saverio Di Zinno. Diversi gli eventi organizzati per celebrare i 300 anni (il prossimo 3 dicembre) dalla nascita del grande scultore d’arte sacra noto ai più per aver realizzato gli ingegni che portano i Misteri, ma di fatto autore di una parte importante del patrimonio scultoreo ligneo cittadino.

Primo assaggio del programma pensato congiuntamente da Comune di Campobasso, Regione Molise e Arcidiocesi di Campobasso-Bojano, in collaborazione con il MuSe, la presentazione del Museo itinerante “La città in mostra. Paolo Saverio Di Zinno e Campobasso nel XVIII Secolo”.

La splendida chiesa di San Bartolomeo, del XIII secolo, in cui sono esposte alcune notevoli opere del maestro scultore, tra le altre l’Immacolata Concezione, datata 1745 (la più antica), ha riunito questa mattina gli artefici del programma: il sindaco di Campobasso Antonio Battista, l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Vincenzo Cotugno, frà Giancarlo Li Quadri, per l’Arcidicesi, Nella Rescigno, presidente Iresmo. Con loro anche Liberato Teberino dell’Associazione Misteri e Tradizioni, Vincenzo Lombardi della Soprintendenza e padre Giovanni Diodati, parroco delle Chiese di San Bartolomeo e San Paolo.

Cregrest Palata 2018

Un po’ di annotazioni sulla portata dell’iniziativa, mentre nella chiesa alcuni artisti lavorano per un concorso di iconografia sacra, e, proprio da San Bartolomeo, è partito il mini tour itinerante nei luoghi frequentati da Paolo Saverio Di Zinno. Nell’idea, così come spiegata da Nella Rescigno, “la città diventa un contenitore all’interno del quale ci sono tante sale espositive che sono le chiese, le strade e altri spazi”. Attraversando questi luoghi, penetrando il tessuto storico culturale del borgo di Campobasso emerge il tesoro lasciato in eredità dal Di Zinno: statue e altre opere che sono esposte in edifici ecclesiastici di pregio.

Il tour completo parte in realtà dalla Cattedrale e si spinge all’interno del borgo verso San Bartolomeo, Santa Maria della Croce, Sant’Antonio Abate per chiudere al Museo dei Misteri. Tre ore di cammino guidato: finalmente uno sguardo più soddisfacente e approfondito della Campobasso del XVIII secolo. “L’itinerario è straordinario – ha spiegato al termine della prima, parziale, camminata, l’assessore Vincenzo Cotugno. La collaborazione con il sindaco Battista e tutti gli altri è stata stimolante e redditizia. Una bellissima iniziativa che rende onore ai meriti indiscussi del Di Zinno”. Il quale, tre secoli dopo, ci aiuta a conoscere meglio la storia di Campobasso.

Appuntamento per tutti con il tour itinerante nelle sei domeniche in programma: 22 e 29 luglio, 5, 12, 19 e 26 agosto.