Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Prima Festa delle Carresi, la Regione stanzierà 5 mila euro

La Regione Molise stanzierà 5 mila euro per lo svolgimento della prima ‘Festa delle Carresi’ che si svolgerà sabato 18 agosto a San Martino in Pensilis. Un finanziamento che di fatto, riconosce la festa e di conseguenza la corsa dei carri, tra le sue manifestazioni ufficiali regionali.

L’evento nasce per volontà dell’associazione ‘Unione Carresi’ nata,  all’indomani dello stop della corsa dei carri nei tre paesi bassomolisani di San Martino in Pensilis, Ururi e Portocannone dove la corsa si svolge in occasione delle rispettive feste patronali. L’associazione nata su facebook, su iniziativa del giornalista Pasquale Di Bello,  ad oggi conta ben 535 iscritti, di cui 110 fondatori, così suddivisi: San Martino in Pensilis 216 (82 fondatori); Chieuti 146 (10 fondatori); Ururi 56 (9 fondatori); Portocannone 16 (1 fondatore); Altri Comuni + Estero 101 (8 fondatori).

In questi mesi tante sono state le attività messe in cantiere dall’Associazione: dalla raccolta fondi sino alla campagna ‘adotta un bue’.  Una raccolta fondi permanente che l’Unione Carresi promuove a favore delle Associazioni Carristiche. Chiunque, dall’Italia e dall’Estero, può effettuare un versamento destinato alle spese di acquisto, mantenimento e cura di buoi, cavalli ed a tutte le necessità delle stalle. L’intera somma verrà devoluta integralmente alle Associazioni dei Carri dei quattro paesi dove si svolge la corsa dei carri (oltre ai tre paesi del basso Molise c’è Chieuti, paese in provincia di Foggia).  Chiunque, singoli o associazioni  intenda dare il proprio contributo è pregato di indicare come causale del versamento a favore dell’Unione Carresi la dicitura: “Adotta un bue”. L’Iban dell’associazione è: IT-59/Z/08968/41090/000120190892

Il bilancio di questa, come di tutte le attività dell’Unione Carresi, verrà reso pubblico in occasione della Festa. La campagna di raccolta fondi 2018/2019 si concluderà il 29 aprile 2019. Da quella dal 30 aprile successivo inizierà la raccolta 2019/2020.