Quantcast

Nuovi lidi balneari e chioschi sul lungomare: ok al Piano Spiaggia, opportunità nel turismo foto

Restano i tre stabilimenti balneari nell'area de Le Dune, riconvertito in lido amovibile il quarto che va ad aggiungersi ad altre 10 aree attrezzate con lettini, ombrelloni, servizi e chioschi. Approvato finalmente il nuovo Piano Spiagge di Termoli

È fatta. Dopo i ritardi e gli imprevisti degli ultimi 4 mesi, il Piano Spiaggia di Termoli è stato approvato e ora è definitivo e “esecutivo”. In sostanza si aprono immediatamente le possibilità previste dall’Amministrazione di Angelo Sbrocca e dall’assessore Enzo Ferrazzano che ha curato lo strumento ambientale-turistico di allargare l’offerta del mare sulla costa termolese.

Ieri mattina, al termine di una lunga discussione, la maggioranza – con la quasi totale contrarietà dell’opposizione – ha approvato il Piano, che prevede al netto delle osservazioni presentate da cittadini, comitati e associazioni, tre nuovi stabilimenti balneari. Dovevano essere 4 inizialmente, ma uno è stato riconvertito in lido mobile da un emendamento del consigliere Andrea Casolino, fortemente contestato dall’opposizione. Sono tutti posizionati sul tratto di arenile a nord, fra le Dune e l’Aloha, e la richiesta per la concessione verrà ovviamente messa a bando. Il quarto che doveva nascere sul litorale è stato riconvertito proprio dopo l’emendamento e sarà lido mobile.

Le novità riguardano però anche la trasformazione e il miglioramento dei servizi sulla spiaggia libera di Termoli, con la realizzazione di aree attrezzate e lidi mobili. Le prime, circa 6, prevedono docce, servizi igienici e noleggio giornaliero di ombrelloni e lettini.

Nelle seconde invece, circa una decina, oltre a questo ci saranno anche chioschi e strutture in legno amovibili. Praticamente la stessa cosa che accade da alcuni anni a Campomarino, dove ai lidi “tradizionali” si affiancano stabilimenti che durano il tempo di una stagione e della relativa autorizzazione che deve essere rinnovata di anno in anno. La spiaggia alla fine dell’estate deve essere riconsegnata al demanio senza alcun intervento di modifica.

Il Piano Spiaggia apre a nuove opportunità di lavoro nel turismo. Finora le proposte presentate in Comune e le richieste di interesse provengono soprattutto da giovani: un buon segnale secondo l’assessore Ferrazzano per il rilancio della imprenditoria del mare.