Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Erbacce a ridosso dei binari ferroviari, è polemica. Rinaldi: “Il Comune faccia qualcosa” foto

Non solo i consueti problemi legati ai ritardi ed al raddoppio della linea ferroviaria il cui progetto sembrerebbe essersi arenato; ora a creare ulteriori preoccupazioni e pericoli sul tratto percorso da questo mezzo di trasporto è la natura incolta. Da diversi mesi la vegetazione rigogliosa ha coperto la collina a ridosso del binario nella zona di Rio Vivo, a due passi dalle abitazioni e dall’asilo comunale, creando non solo il proliferare di animali ma soprattutto un allarme incendi senza precedenti. Si tratta soprattutto di erbacce, cannucce, ed alcuni alberi ed arbusti. Il tracciato, destinato sia ai treni merci che a quelli passeggeri, in alcuni punti è quasi invisibile, nascosto dalla vegetazione spontanea.

Una situazione al limite, portata all’attenzione pubblica anche dal consigliere di minoranza e vicepresidente della Commissione Ambiente e Decoro Urbano Francesco Rinaldi, che chiede a gran voce un intervento del Comune: “Parte del terreno è comunale ed è l’ufficio Ambiente che deve occuparsi di controllare lo stato dei luoghi e demandarne la pulizia. Per il tratto ferroviario si può fare un atto che porti l’attenzione delle Ferrovie dello Stato su questa problematica in modo che possano effettuare un intervento immediato di pulizia a tutela della salute, dell’igiene e della sicurezza pubblica per scongiurare soprattutto il pericolo di incendi”.

Linea ferroviaria invasa da erbacce

La pazienza dei residenti è al collasso e la loro memoria torna subito allo scorso anno quando la zona di Rio Vivo è diventata un campo di fuoco a causa dei vastissimi incendi che hanno interessato diverse zone della città: “Rami non curati, erbacce, piante incolte costituiscono un pericolo per i treni in circolazione. Un’eventuale fiammella partita a causa del passaggio del treno ci metterebbe pochissimo a propagarsi ed a raggiungere le case ed i lidi. Cosa si aspetta a pulire?”.