Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Erba alta ed incuria alle case Iacp, residenti scrivono al Comune foto

Erba alta non tagliata da mesi in cui proliferano indisturbati topi, serpenti e zecche. Una situazione al limite che ha spinto i residenti a scrivere all'Ufficio Ambiente ed ai Vigili Urbani.

Erba alta, sterpaglie ed incuria caratterizzano, ormai da diversi mesi, gli appartamenti Iacp di via Amalfi ai civici 62, 88, 112. Un quartiere di Contrada Porticone in totale abbandono e ad alto rischio incendio dove, grazie anche al materiale fotografico, è ben visibile lo stato di degrado in cui versano le aree a ridosso della zona residenziale.

La segnalazione, giunta a Primonumero.it, evidenzia perfettamente il problema vissuto quotidianamente dai condomini che chiedono un intervento urgente, perché la situazione «è ormai diventata ingestibile». In mezzo all’erba alta, che non viene tagliata da diversi mesi e che, grazie alle recenti piogge è cresciuta rigogliosa, proliferano topi, serpenti e zecche che, soprattutto nel periodo estivo, fanno capolino alla ricerca di cibo.

Una situazione al limite, tutt’altro che piacevole, da cui si potrebbe generare il rischio che questi animali possano insinuarsi nelle case. A rischio c’è anche l’incolumità personale: se dovesse scoppiare un incendio, le fiamme impiegherebbero pochissimi minuti per raggiungere le abitazioni e lambire le auto in sosta ed i balconi.

Ad oggi l’unico sfalcio dell’erba effettuato dall’Amministrazione Comunale risale a qualche settimana fa quando, come confermano gli stessi abitanti, «è stato eliminato il verde incolto in un piccolo pezzo di terreno». Da allora nessuna azione è stata messa in opera per ridare dignità e sicurezza al quartiere della periferia nord di Termoli. Malgrado le numerose richieste di intervento, messe anche nero su bianco con una lettera indirizzata all’Ufficio Ambiente ed al Comando dei Vigili Urbani con l’istanza di decespugliamento dell’area verde comunale, la situazione non è cambiata e le segnalazioni sono rimaste inascoltate.