Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Censimento, i Comuni molisani cercano giovani per raccogliere i dati foto

Via a indagini annuali e a campione che quest’anno coinvolgono molti fra i principali centri molisani, fra cui Campobasso, Isernia, Termoli, Guglionesi, Montenero, San Martino. Via agli avvisi per selezionare rilevatori che lavoreranno tra ottobre e dicembre alla ricerca e catalogazione dati.

Non più una volta ogni dieci anni, ma tutti gli anni, a rotazione. La novità riguarda gli italiani in generale: i rilevamenti Istat cambiano. A ottobre 2018 parte il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. Per la prima volta l’Istituto Statistico Nazionale una volta all’anno fotografa le principali caratteristiche della popolazione che dimora sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale.

Il nuovo Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni non coinvolge però tutte le famiglie italiane nello stesso momento, come avvenuto finora, ma ogni anno un campione di esse: circa un milione e 400 mila famiglie, residenti in 2.800 comuni italiani.

Sono circa 1.100 i Comuni che ogni anno sono interessati dalle operazioni censuarie, mentre la restante è chiamata a partecipare una volta ogni 4 anni. In questo modo, entro il 2021, tutti i comuni parteciperanno, almeno una volta, alle rilevazioni Istat.

E tra i Comuni interessati nel 2018 ci sono i principali centri molisani, nonché alcuni dei più popolosi. Nell’elenco figurano sia Campobasso che Isernia che Termoli, dove a ottobre partiranno le operazioni di indagine fra le famiglie. Ci sono anche i Comuni di Guglionesi, Petacciato, San Martino in Pensilis, Montenero di Bisaccia, Colletorto, San Giuliano di Puglia, Portocannone, Bojano, Venafro. Solo per citarne alcuni.  Mancano invece all’appello, quest’anno, i Comuni di  Larino, Campomario, Agnone, Santa Croce di Magliano.

La buona notizia, per i cittadini dei centri interessati, è l’occasione di lavoro fornita dal censimento. Nei Comuni infatti stanno partendo gli avvisi pubblici per reperire rilevatori, cioè persone da inserire nelle apposite graduatorie dove pescare gli addetti alle indagini Istat, che chiaramente saranno formati e retribuiti per i mesi di lavoro.

 

E’ il caso del Comune di Guglionesi, che in linea con la trasparenza fa sapere dell’avviso di selezione pubblica per soli titoli “per la formazione di una graduatoria per il conferimento degli incarichi di rilevatore. Il censimento si svolgerà nel periodo compreso tra ottobre e dicembre 2018”.

I titoli preferenziali sono la laurea o il diploma universitario, la residenza nel Comune di Guglionesi, il possesso della certificazione ECDL, cioè la patente europea del computer o un titolo equipollente, e esperienze lavorative relative a indagini statistiche come l’intervistatore. La domanda di partecipazione dovrà essere consegnata entro le ore 12 del 16 luglio.

E’ una occasione lavorativa e di esperienza, specialmente per i giovani.