Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Assalto al bancomat, indagini a una svolta: trovate le cassette dei soldi, rintracciata l’auto

Svolta dopo l'assalto con esplosivo alla Bcc: si cerca una Ford scura. I contenitori del denaro scoperti al Sinarca: non sono macchiati di inchiostro

Le indagini sul furto con esplosivo allo sportello bancomat della Bcc di Petacciato sono a un punto di svolta importante. Dalle immagini delle telecamere di sorveglianza ci sono infatti frammenti decisivi nell’individuazione dell’auto utilizzata per il colpo di mercoledì scorso 4 luglio in viale Pietravalle.

 

Si tratterebbe di una Ford scura probabilmente già utilizzata per altri furti ai bancomat del Basso Molise. Quattro, come già emerso in un primo momento, i ladri incappucciati che hanno agito in pochissimi minuti prima di darsi alla fuga. Molto probabilmente una banda con diversi colpi dello stesso genere alle spalle.

carabinieri-caserma-132172

Decisivi infatti quegli attimi in cui le telecamere dell’istituto di credito riprendono la targa della vettura. Dalle cifre e i numeri che risultano leggibili e il colore e il modello dell’auto, i carabinieri della locale stazione e della compagnia di Termoli stanno lavorando a un’accurata indagine e hanno potuto realizzare dei controlli incrociati che avrebbero dato indicazioni importanti nel riconoscere la macchina.

 

Indizi che arrivano anche dal ritrovamento, in zona Sinarca, delle cassette che contenevano il denaro dello sportello bancomat della Banca di Credito Cooperativo di Petacciato, in tutto circa seimila euro. Cassette evidentemente abbandonate dai ladri qualche minuto dopo il furto, durante una fuga, presumibilmente verso sud.

 

Le cassette ritrovate non contenevano inchiostro. Vuol dire che il sistema ideato dalle banche per macchiare le banconote rubate non ha funzionato per qualche motivo. Quindi i soldi rubati potrebbero tranquillamente essere messi in circolo. Una disdetta che però non ferma gli inquirenti. Le indagini proseguono e i carabinieri stanno eseguendo tutti i riscontri del caso per poter arrivare all’identità dei responsabili.