Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Aggredito da due cani in spiaggia e i padroni stanno a guardare. “Li denuncio”

Podista attaccato e morso da due cani senza guinzaglio né museruola finisce in pronto soccorso

È stato attaccato da due cani, che lo hanno fatto cadere e morso in più punti, mentre i padroni dei due animali non facevano nulla per soccorrerlo. È successo a un 39enne di Petacciato, vittima di un brutto incidente nella mattinata di oggi, martedì 3 luglio. Gabriele Berchicci, questo il nome dello sfortunato podista della Runners Petacciato, è finito in ospedale, dove ha raccontato tutto facendo partire una denuncia. «Anche perché il problema esiste anche per altri, sono già cinque i casi».

Lo spiacevole episodio è avvenutosulla battigia fra la spiaggia Ventotto e il villaggio La Torre, a suddi Petacciato marina, direzione Termoli. «Erano le 8,30 circa, ho deciso di correre lì perché la riva è più piatta e non volevo affaticarmi troppo prima di andare a lavorare in fabbrica». Dopo qualche minuto di corsa, Gabriele si è accorto di due cani che sostavano a riva.

«Due barboncini di mezza taglia, senza guinzaglio né museruola. Non erano due randagi, i padroni stavano in spiaggia. Ho notato che uno dei due cani mi fissava da lontano, come se mi avesse puntato. Perciò ho strillato alla padrona di fermarlo, ma lei non ha fatto nulla. Il primo dei due si è fiondato su di me e l’altro l’ha seguito. Mi hanno fatto cadere iniziando a ringhiare e mordere. Io sono scivolato e cercavo di difendermi per non farmi attaccare in faccia e sulle braccia».

Ha riportato ferite sul gluteo sinistro, sotto un ginocchio e a un polpaccio, oltre ad altre escoriazioni lievi. «Il padrone è intervenuto con ritardo, anzi ha detto che ero io che stavo aggredendo i cani». È stata la titolare del villaggio La Torre a soccorrerlo. «Fra rabbia e spavento ho avuto un mancamento, non mi reggevo in piedi, ma i due signori, due 70enni di Modena che stavano col camper al lido, non volevano aiutarmi. Allora ho chiamato i carabinieri».

A quel punto è stata la signora del lido a portarlo in ospedale, il proprietario del cane li ha seguiti. «Mi hanno portato dentro in barella e mi hanno visitato. Non mi hanno messo punti ma ho avuto cinque giorni di prognosi». E soprattutto ha fornito tutti i dati al pronto soccorso per una denuncia. «Andare a correre è diventato impossibile, è il quinto caso di podista aggredito che viene segnalato alla nostra associazione Runners. Lo faccio anche per tutelare altri corridori».

Oltretutto Gabriele ammette che il trauma potrebbe influenzarlo nel prossimo futuro. «A parte rabbia e spavento sto bene. Non so se questa cosa può influire in futuro, quello mi preoccupa. Non so come reagirò la prossima volta. Ci tengo però a dire che non voglio essere considerato una vittima, ma vorrei ci fossero più controlli. Non ce l’ho di certo coi cani ma con chi dovrebbe saperli tenere».