Quantcast

Asili, esclusi 5 bambini non vaccinati: non potranno andare a scuola. “Colloqui inutili”

I vigili urbani della città di Termoli hanno consegnato questa mattina, lunedì 7 maggio, cinque notifiche ad altrettante famiglie che hanno scelto di non vaccinare i loro bambini e per questo sono stati esclusi dal nido e dalle scuole dell’infanzia comunale. «A malincuore - ha commentato l’assessore Chimisso - ma abbiamo dovuto escluderli. Dobbiamo rispettare la legge e fino a quando non verranno vaccinati non potranno frequentare la scuola dell’infanzia, mentre per le elementari le cose sono diverse perchè quella è la scuola dell’obbligo. Abbiamo provato in tutti i modi a far capire loro quanto siano importanti i vaccini, ma nemmeno i colloqui con la Asl e i medici sono serviti a far cambiare idea».

Più informazioni su

    Hanno deciso di non vaccinare i loro figli, malgrado quanto la legge voluta un anno fa dalla ministra Lorenzin aveva stabilito in materia di Sanità. Dopo che i tempi di consegna dei documenti sono scaduti, lo scorso 10 marzo, sono passati diversi giorni per l’ultimatum di fronte al quale si sono ritrovate le famiglie: vaccinare i bambini o doverli escludere dalla scuola dell’infanzia. I giorni sono passati, ma le vaccinazioni non sono state eseguite per 5 bambini termolesi. Esclusi dai nidi e dalle scuole materne della città.

    Le loro famiglie questa mattina, lunedì 7 maggio, hanno ricevuto dai vigili urbani le notifiche con cui si annunciava l’esclusione dei bambini al di sotto dei cinque anni dalle attività didattiche delle scuole frequentate, ovvero i nidi e le scuole dell’infanzia della città adriatica. I genitori hanno deciso infatti di non sottoporre i propri figli alle vaccinazioni che erano state invece rese obbligatorie dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che dallo scorso settembre aveva fatto partire una campagna a favore dei vaccini che aveva riguardato l’intera Penisola: entro il 10 marzo del 2018 dovevano essere consegnati nelle scuole i documenti relativi alle vaccinazioni effettuate e in caso in cui non fossero state ancora effettutate, le prenotazioni degli appuntamenti.

    Nonostante i tentativi messi in campo dall’Amministrazione Comunale insieme all’Asl, ai medici e anche ai servizi sociali, le famiglie hanno rifiutato categoricamente i vaccini. Perciò nei giorni scorsi sono state recapitate loro le comunicazioni da parte degli assistenti sociali con cui si invitavano i genitori a non portare i bimbi a scuola.
    Nella mattinata di oggi poi i vigili urbani si sono adoperati a consegnare nuovamente alla scuola la lettera con cui si confermava che i cinque bambini non concluderanno l’anno scolastico perchè nemmeno negli ultimi giorni i genitori hanno provveduto a fare vaccinare i piccoli.

    «Abbiamo fatto rispettare la legge – ha commentato l’assessore Maria Chimisso – i colloqui fatti con le famiglie sono falliti e di conseguenza hanno rifiutato i vaccini. Al momento non potranno frequentare la scuola dell’infanzia e il nido, poi per le elementari si vedrà in futuro perchè le regole sono diverse visto che si parla di scuola dell’obbligo che abbracciano anche le altre scuole successive».

    Non si esclude che da domani possano esserci degli sviluppi visto che la decisione arrivata unanime da Comune e Asl di Termoli non è stata accettata dalle famiglie le quali hanno manifestato la loro amarezza e rabbia «perchè a fine anno non è giusto – pare abbiano commentato – perchè i bambini sono esclusi dalle fasi finali, tra cui la recita scolastica che è uno dei momenti più belli».

    Più informazioni su