Quantcast

Violenza di genere, evento finale del progetto ’Differenti ma pari’

Più informazioni su

Bilancio finale del progetto ‘Differenti ma pari – Educare al genere per prevenire la violenza di genere’, promosso dal Comune di Campobasso, assessorato alla Cultura e Pari Opportunità e assessorato allo Sport, e proposto dall’associazione ‘Liberaluna Onlus’, da tempo attiva sul territorio e svolge numerose attività per contrastare pregiudizi e discriminazione e sostenere donne vittime di violenza.
‘Differenti ma pari’ è un progetto pilota nella regione Molise, che trae spunto da un manuale che propone un ‘programma di sensibilizzazione, formazione ed educazione’, denominato ‘Youth 4 Youth’. L’iniziativa ha coinvolto gli studenti del liceo scientifico ‘Alberto Romita’ e del liceo scientifico del Convitto nazionale ‘Mario Pagano’ che, assieme a Liberaluna, hanno organizzato alcuni video sulla violenza di genere e che saranno presentati durante l’evento finale del progetto.

La manifestazione, in programma lunedì 29 maggio nella sala Alphaville, inizierà alle 10 col monologo ‘Ti amo da morirne’ di Mena Vasellino, alle 11 i saluti dell’assessore Emma de Capoa, alle 11,15 un intervento dell’attrice Mena Vasellino, alle 11,30 toccherà alla presidente dell’associazione ‘Liberaluna Onlus’, Maria Grazia La Selva, tracciare un bilancio sul progetto.

«Siamo arrivati alla conclusione del progetto – hanno affermato gli assessori Emma de Capoa e Maripina Rubino – che ha visto protagonisti gli studenti nella conoscenza di una materia, quella della violenza di genere, sulla quale occorre insistere sin da ragazzi. Conoscere e parlarne per prevenire: questo lo spirito con cui il Comune si muove sin dall’insediamento. I ragazzi devono conoscere per poter respingere la violenza. I video, che saranno presentati, sono molto belli e di qualità, segno questo dell’ottimo lavoro che è stato effettuato durante l’anno scolastico dai professionisti di ‘Liberaluna’ e dai docenti che si sono occupati dell’iniziativa. Gli studenti, dunque, hanno fatto propri gli insegnamenti e i messaggi, che sono stati promosso con questo progetto. Nelle prossime edizioni dell’iniziativa sarà dato ampio spazio allo sport, quale veicolo per combattere violenze e discriminazioni».

Più informazioni su