Il fenomeno ‘Calciocavallo’: “Tutti vogliono giocare con noi. E Bisio ci ha chiesto un selfie” foto

Un anno fa, alcuni giovani molisani che vivono a Milano hanno creato una squadra amatoriale di calcio a 7 dal nome “Fc Calciocavallo”, dove Fc non sta per Football club ma per ‘forchetta e coltello’: “Volevamo solo divertirci, ma l’idea è piaciuta e sta diventando un marchio”. Organizzano eventi e raccolgono adepti e sponsor tramite la loro pagina facebook.

Più informazioni su

    L’idea è venuta poco più di un anno fa, ad un gruppo di giovani molisani che, per studio o per lavoro, vivono a Milano: creare una squadra di calcio a 7 per partecipare al torneo di “Zona goal”, organizzazione sportiva amatoriale.
    Il resto è venuto da sè: a cominciare dal nome, Fc Calciocavallo (dove “Fc” sta per “forchetta e coltello”). Che è stato il segreto anche del loro successo, diffusosi anche grazie a Facebook. Oggi, giovedì 22, inizia la seconda stagione ‘ufficiale’. La prima partita è contro la “Vecchia guardia”: «Giochiamo giusto per divertirci – ci spiega uno dei fondatori, il campobassano Gianluca Mastropaolo – dentro e fuori dal campo. Siamo uniti dall’orgoglio di essere molisani, organizziamo cene ed altri momenti di aggregazione. Come abbiamo fatto, ad esempio, nel giorno della sfilata delle ‘Ndocce sui navigli». Ogni angolo del Molise è rappresentato nel gruppo: Campobasso, Riccia, Cercemaggiore, Jelsi, Vinchiaturo, Castellino, Isernia, Capracotta, Bojano, Agnone, Petacciato.

    Sarà che nel frattempo la colonia di 25enni-30enni molisani a Milano va sempre più crescendo, sarà per il passaparola: sono fioccate le richieste di aggregarsi alla squadra, ed addirittura gli sponsor. «E’ vero. Abbiamo accolto in squadra altri ragazzi che avevano sentito parlare di noi, tutti rigorosamente molisani. Ora però siamo al completo. E sia chiaro: non abbiamo scelto i più forti, anzi, alcuni di noi sono consapevoli di essere dei mezzi brocchi. Abbiamo dato la precedenza ai primi che ce l’hanno chiesto. Abbiamo poi trovato delle aziende che hanno voluto dare un contributo alla nostra iniziativa. Ovviamente molisane. E le maglie non le abbiamo fatte stampare a Milano, ma in Molise».

    Sulla loro pagina Facebook, le risate sono garantite. Tra fotomontaggi, notizie curiose e foto ‘vere’ con ex calciatori come Dario Hubner ed Igor Protti o vip, come Claudio Bisio: «Non ci crederete – spiega Mastropaolo – ma è stato lui a chiederci di fare la foto insieme: era rimasto colpito dal nome della squadra e dal logo».

    Più informazioni su