PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo


I TAVITTE

da una pubblicazione di
Carlo Cappella

"'U STAJJE DE PEGNULE"

Pignoli, un noto barbiere del borgo vecchio, dopo tanti anni di esercizio del suo mestiere, ritenne di dover dare una ripulita al suo locale, ridotto in cattivo stato per il lungo uso. Si rivolse per la circostanza ad un uomo muto, che era aduso ad infiniti mestieri: costruttore di ventagli, di maschere per il carnevale, di carrettini di legno, di bambole di stoffa, di fischietti, che ogni anno, il martedí dopo Pasqua, si vendevano alla Madonn'a Llungo; si dilettava inoltre a svolgere il mestiere di imbianchino.
Questi, che si prestava per tutti, naturalmente previo adeguato compenso, non esitò ad accettare l'invito dei barbiere, il quale per le tante difficoltà economiche che erano ricorrenti in quell'epoca in cui si usava pagare le prestazioni una volta all'anno (stajje), chiese preoccupato il costo del lavoro. Il muto, che ovviamente si esprimeva a gesti, fu con la sua mimica molto eloquente nell'esprimere che per compenso al suo lavoro, esigeva essere servito in quel locale a vita.
Il barbiere ebbe dei riflessi e delle considerazioni repentine nella trattativa e, notando l'aspetto gracile e macilento dell'interlocutore, lo stimò uomo dalla vita breve. Cosi il patto fu concluso. Il salone fu ripulito; il muto divenne cliente fisso con prestazioni gratuite. Intanto passarono i giorni, i mesi, gli anni, e le previsioni del Pignoli non si avverarono. La situazione lo condusse in una grave condizione di agitazione e, ogni qualvolta si presentava il muto, aumentavano i suoi bollori.
Avvenne infine che un giorno, il salone pieno di clienti, essendo la domenica delle Palme, il barbiere vide comparire come di consueto la nota e non gradita figura sulla soglia. Fu fulminea la sua reazione e, ruotando la mano destra in senso orario con l'indice e il medio uniti e le altre dita piegate, esclamò rabbiosamente:

"Tu pe' mé si iute"

Da allora questa è la frase che si usa rivolgere a persona a cui si vuole far intendere che è considerata morta.

back


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006