PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


Vojje merì che' te
Canto marinaro

di Carlo Cappella
(musica di nicolino Cannarsa)


Vojje merì che' te,
luna d'argente,
ch'allumene 'a marine dint'a notte
e mitte dint'u core 'u sentimente;
vojje mer' che' te luna d'argente!

Vojje merì che' tè
Märe 'n tempeste,
sop'a 'lli scujje andò 'a marette sbatte
'nzime ch'a lune sotte a 'ssa fenestre,
vojje merì ché tè, märe'ne tempeste!

Vojje merì che' tè,
vocche de rose,
sinte 'stu core come 'n pitte vatte
'stu core turmentäte na' repose
vojje merì che' te vocche de rose!

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006