PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


VEGGILIE

di Giovanni De Fanis

Arde u ceppòne sótte u fecueläre
e ògne tante späre e fä i scentille.
Da fóre, u vinte vó' šchiantä' u Castille,
da u merajjòne vó'resaje u märe.

All'òra juste vattene i martille,
córre u penzire, córre a na jemäre,
a chilli quatte varche e a i mmarenäre.
Dòpe i spaghétte mamme pòrte a 'nguille

e apprisse u baccalä arracanäte
(rròbbe de lusse pe 'lli timpa cäne),
e cacche frenneccióle de 'nzaläte.

E, pe rrènne a seräte acchiù sfeziòse,
a frutte: pertegalle du Gargäne,
ficuera sécche e ddu nòce cugnòse.

VIGILIA
Il ciocco brucia sotto il focolare,/ ogni tanto scoppia e fa scintille./
Fuori, il vento vuole abbattere il Castello/ e il mare scalare il muraglione./
All'ora esatta rintoccano i martelli (dell'orologio) /
corre il pensiero, corre alla foce del fiume/
a quelle quattro barche ed ai marinai./
Dopo gli spaghetti, mamma serve l'anguilla/ e poi il baccalà gratinato,/
(un lusso per quei tempi di fame),/ con qualche fogliolina d'insalata./
E, per rendere la serata più piacevole,/ la frutta: arance del Gargano,/
fichi secchi e un po' di noci dal guscio duro.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006