PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

'U VRUSCELE DOPE 'A CIAMBANE'
(composta dopo " 'A ciambane " di Stefano Leone e a lui dedicata)

di Vincenzo Limongi

Chettepozzena sparà!
E chi 'u potev' ma' penzà
Che pe quande mitiche jive
Pure 'nu libbre aviva scrive!
Pare mo', a' 'na scole, 'ssope lli segge
Ca' i screvive, menive e m''i facive legge.
"U scoije", "U ceccaminde", "A quinda ore"
Ghevene bbone tutte pe' pperde timpe 'a 'na scole.
Mo' stanne scritte 'ssope 'a carta stampate…
'U vi'? So' cchiù bbelle mo' che l'i' 'ccungiate.
Però, oje Ste', si' proprie miteche, 'u si'?
Si' miteche dice vote pe ogne 'ppoesi',
E quande aje leggiute 'u libbre ch' 'i scritte mo' tu
Aje ditte "…Sanghe de trimete, o 'u facce mo' o nenn' 'u facce cchiu'!…"
Aje penzate a 'u titele che j'aveva mette
Ma ne'mmasceve ninde, sanghe d' 'a lecette.
Penzanne bbune che si' miteche da quande si' nnate,
Quisse l'aveva fa' capi' a tutte quande l'ate:
E rraggiunanne, aje ditte "…Quande 'a ciambane te pongeche de notte
Nen te pu' sbaja': è 'nu vruscele che cciabbotte!…"
E come 'u vruscele che dope 'u pongeche t'aremane
'ccuscì m'e'sciute 'U VRUSCELE DOPE 'A CIAMBANE'

10 Gennaio 1991

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006