PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

U REMORE DU' MARE

di Lino Basilico

Ghianghe cavalle,
che caminane a vele,
'ndiste e spumande,
che ci'accocchiene 'n gile,
'na forze annascoste,
i cummanne a bacchette,
e lore tranquille scotene a hesse.
quejete o sbattenne,
nen ce fermene mä,
è 'llu cundinue remore,
ca te dä da penzä;
e nu laminde,
o 'na canzone,
e nu messagge,
o 'na dannazione!
nu pecceninne nenpetime capì,
e nu lenguagge cu mare ce porte,
allegre o pauruse l'ima sendì,
ca bbone o 'a mala sorte.
quillu jurne ca vè
quande'a fine e vecine,
chisä che succede
sope 'a marine.
pè mo nence penzame,
scutame 'u remore,
'u mare" è accuscì belle,
l'ha fatte u segnore.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006