PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


'U PRESEPIE

di Carlo Cappella

Appise ai frasche ddù' …trè pertegalle,
toppe de jerve fatte dinte a ville,
'u pendecille, 'u fiume lunghe a valle,
Madonne, San Geseppe e Bambenille.

Pu' ogni tande qualche casarelle
de cartone, nu pastore de crete
da furnäce, tre quatte pecuerelle,
'u puzze, 'a stalle e l'albere d'abete.

Quisse ère 'u presepie de 'na vote:
senza stelle felande e lambadine,
ma sempe dind'u core forte 'u vote.

Mentre quille de mo coste quatrine:
nen sanne come accundandä' ' nepote,
e pu' iastemene a Gesù Bambine.

IL PRESEPE
Attaccate ai rami due …tre arance,/ciuffi d'erba raccolti nella villa,/
il ponticello, il fiume lungo la valle,/
la Madonna, San Giuseppe e il Bambinello./
Poi, di tanto in tanto qualche casetta/ di cartone, un pastore di creta/
della fornace, tre o quattro pecorelle,/ il pozzo, la stalla e l'albero d'abete./
Questo era il presepe di una volta:/ senza stelle filanti e le lucette,/
ma sempre con il voto nel cuore forte./
Mentre quello di oggi costa tanti soldi:/
non sanno come accontentare il nipote/
e poi se la prendono con Gesù Bambine.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006