PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

U MARENERE

di Lino Basilico

Da i timbe cchiù lundane
'a vite du' mare è n'avvendure,
sotte 'u sole o 'u meletimbe,
cù mareone o sott'i vinde,
cu' curagge da genda forte,
ere 'na lotte contre 'a sorte.
Chi paranze e chi battille,
l'uneca forze ere 'a vele,
e se mancave 'u vendecille,
na remaneve 'n derre manche 'a sere.
Fegurete 'i mamme 'i povere spose,
aspettavene sop sop' u murajjone,
cu core 'n pene senza repose,
pregavene quill'ommene o 'llu guajjone.
Mo chi timb so cagnate,
"chi va" pè mare " è cchiù secure,
ma pure mo com'u passate,
'a vite du' mare è sembre dure.
Quillu jurne che stanne 'nderre,
ogni cose j'è perdunate,
'a vita lore è sembre 'na guerre,
perciò amiche vanne respettate .
ecche pecchè 'u marenare,
aremane l'esempie da nature,
nen ce stä cose cchiù du mare,
che te fä de razza pure.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006