PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


U castille

di Carlo Cappella


Ddu' torre quadräte che 'na porte,
tre tufe, mergelune e quatte prete,
abbandunäte da cattiva sorte,
è nu recorde de tant'anne arrete.

Quist'è u castille nustre tante forte,
avrijana parlà 'lli quatte prete,
andò Tancrede ci'à tenute 'a corte
e a Federiche à fatte da cumete.

Sol'u rellogge dä segne de vite,
nu pennacchie de viole ammizz'i sgrette
e ddu' cannune vicchie arrezzenite.

Castille mì', mo u sacce che t'aspette,
sol'i sespire de ddu' tre patite,
e vule de cuernacchie e de cevette.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006