PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

TICKET

di Giovanni De Fanis

Pe nen pagä' mideche e medecine
ògne anne fanne 'na leggia nóve.
A ggènte vä 'mpazzì,nen ci'aretróve
é deventäte sule nu casine.

Auanne,pu',rómpene bbòne l'óve;
dòpe ch'haja renchjièse a dumandine
me fä sòpe all'uffice a segnurine:
"affine u vinticinghe n'ci arennóve!"

Chi ha recacciäte a légge da Têchétte,
perdóneme Ggésù ne m'é peccäte,
je pòzze calä' 'n mprónte 'na sajétte!

E se Criste é juste, mò 'n prencipie,
pòzze accòje pure a 'lli sfatejäte
che ci'a scióscene assòpe u Menecipie.

 

Le angherie della burocrazia scatenano la giusta invettiva di un'anziana pensionata.

Recacciäte: approvato,fatto;
Calä' 'n prónte 'na sajètte: che abbia un colpo apoplettico;
Cche ci'a sciòscene: che si ventilano, che se la spassano.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006