PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

TERMELE MI'

di Lino Basilico

Ditte accuscì è 'na parole sole,
arepite e giä te 'n'atu sapore
s'a redice a mmende devende 'na poesì,
quiste è termele 'u paese mì.
'u bene tu scioppe da dinde u core,
li ia velè bene senza rancore,
e ni ia fä finde da nen capì,
pecchè sennò te fä suffrì.
Quande 'u guirde da lundane,
ne vide l'ore de tuccarle chi mane,
tu velisse gudè tutte dinde a nu-mumende,
passanne da chiazzette tra nu curnicchie,
e 'na renzacche nu pendone e nu lampione,
arrive annande a settegiacchette,
e te firme pe farte nu verdone.
Arecuminze a camenä fine
Au chane de sant'antonie
T'arevute guirde a mare
E sinde addore du' majestrale,
e 'lla mazze du' castille ca te guarde
sembre ch'allore te chiame,
e hi penze quand'ummene forte e arzille
pe ghesse chiagnene da lundane,
ca fatte stu' termele pe resse àccuscì;
ninde sule i fijje su' u' ponne capì.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006