PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


Termele de mo'

di Saverio Metere


Doppe 'nanne de nèbbie e máletimpe
Pijje 'u trè e te vènghe a retrevâ;
pe' quille c'arevéde strgne i dinte:
t'hanne aredutte mále e 'nte laminte!

Abbasce 'u purte o all'ombre d'a Turrètte
Ze' Basse c'a shcaffette (1) 'nce stà cchjù;
andò stavene scuje, varche e práte,
stá na culáte de cemènte armáte.

'Bbasce 'a marine staavène i paranze
e tutte'i sère ascevène 'i lampare;
mò quille máre, utema bbellezze
l'hanne aredutte proprie 'na shchefèzze.

E i termelise, come ninte è státe,
guardáne 'u spettacule scunsuláte
e pensáne ca c'u Mazzemarille (2)
remáne sule "a mazze du' Castille".

(1)Schaffette: era l'ultima pescata della giornata formata da più varietà di pesce, posto in una tipica cesta di vimini, che i marinai dividevano fra loro e generalmente riportavano a casa.
(2) Mazzemarille: un'antica credenza popolare narrava che nel Castello svevo, a mezzanotte in punto, comparisse uno gnomo con un berretto rosso in testa.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006