PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

SANDA NINDE

di Stefano Leone

Mo' tu' diche subbete!
Sanda Ninte
ne ghè 'nu sante com'e 'llate.
E' miteche assáje, ma 'hè tante sfurtunáte;
cia 'vuta 'nzaccâ- all'uteme all'uteme,
né ccone sfastediáte - 'a mmizze 'i santefecáte
pecchè pu' Paradise, peverille,
nesciune l'avève 'raccumannáte;
E quande è scise sotte
e a nu Purgatorije ha tezzeláte
subbete janne ditte:
"Vavattinne, ch'aghecche a 'ssotte
tutt'i poste stanne occupáte!

"Ghe' miscishche"- isse penze tra sè e sè murtefecáte,
"Mo' m'addorme, è fenute mále 'sta jernáte!"
Ma ne passe 'nu seconde, ca ce sènde 'na 'llucáte:
" Sanghe de Santa Ninde...."
Pozzene accide a isse e chi l'ha mannáte..."
"Gué" - cia 'resveje Santa Ninde:
"M'hanne gastemáte?!!"
'U timpe de vestirse, na sciacquetelle e na pettinate
e sta giá 'ssope a tèrre di peccate.

'A prima cose che trove è 'na cchjise
assope a 'na culline abbandunáte.
Trasce dinde e vede 'nu guajone
che preghe a Madonna 'Mmaculáte.
Cia 'vvecine musce-musce
e ce mette a ffianche a 'hisse, 'ngenucchjáte.
Ma 'stu guajone ce gire e je fá nuccone scucciate:
Ma che vu',
nn'u vide ca stenghe preganne tutte cuncentráte?
"Scuseme!"Ja 'responne Santa Ninde
" 'U sacce che t'haje desturbáte,
te velève chjède 'nu favore, se nen te dá fastidje
e nen te pijâ pagáte.
Appicceme 'nu ceroggene pure a me!
Songhe 'nu sante bbune!
Nu Sande che tutte l'ate ha salvate.
Songhe Sanda Ninde
'u Sande d'i crestejáne 'ncazzáte!"

 

Il Santo inesistente che vive solo nelle imprecazioni degli uomini adirati. Parafulmini per tutti gli altri Santi, salvagente per i cristiani in collera meritava almeno una poesia.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006