PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

SAN BASSELE

di Lino Basilico

Pe trevä l'ispirazione,
de parla du sande nustre,
n'è state semplece pe' 'na ragione,
pecchè 'i bescì nen fanne lustre.

tutte quande 'u tenime a mmende,
ma 'a cuscinze ci arebelle,
pecchè 'u jastemame solamede.
'u lasciame sule sule , dind'a chjise tutte l'anne,
senza manche nu lambine,
pu penzire de 'llu sande.

quande 'u trè a matine,
guirde a mare 'a precessione,
e p'a 'legrezze te n'abbregugne nu ccone.

te sinde 'i carne 'ncapunite
allore pinze quande a vale,
quistu sande nustre protettore
se stì lundane o ammizze a mare, quande 'u chjime
che tutt'u core.

e ghisse te vede t'aresponne,
fjje mì statte tranquille,
San Bassele tu stä sembre presente,
e mendre 'na lagreme t'ascegne,
te fä capì quille che conde.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006