PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


U pajse mė'

di Carlo Cappella

Me piäce 'stu paiese, 'stu ciardine,
pecché dint'a febbrä nascene 'i viole,
'a genestre pi' culle da' marine,
sott'acque, sotta vinte e sotta sole.

'U jurne m'areggire, m'arevote,
tra 'stu luche de 'ncante e de repose,
nu fiore prufumäte ci'haiie cote,
'llu fiore che mette a na pertose.

Come nu sunne, fatte de dulcezze,
'i tenghe sempe 'a mmente 'sta vedute,
che mette dint'u core 'a cuntentezze.

Veiäte chi c'č näte e c'č menute
Dint'a 'stu paradise de bellezze,
andō da creiature haiie pasciute.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006