PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


NATËLE A MONTËCASTILLE

di Mariano Del Monte

Natële a Montëcastille,
sapève de füme e scarpèlle.
'Ndu scurde dë luce e dë stelle
ogni chëse chiamëve na palle.

Më vède cu nëse squacciëte,
arrete a nu lastre sënghëte.
Rëmmire chë l'ucchijë scacchijëte,
nu munne de sunne e de fëte.

Fraffalle dë nève a vammëce,
da nu cile cchiù nire da pèce,
ce vènne a pësé, senza pëce,
assôpe a sta' terre che tëce.

Traminte che 'ndocche a sënëte,
stë tutte a famijë accuzzëte,
'ndu core 'na gioje quëjëte,
chë tutte sarrà com'è stëte.

NATALE A MONTECASTELLO
Il Natale, a Montecastello,/sapeva di fumo e scarpelle./
Nello scuro di luce e stelle/ ogni casa invocava una palla./
Mi vedo con il naso schiacciato, dietro un vetro segnato./
Rimiro con gli occhi sbarrati,/ un mondo di sogni e di fate./
Farfalle di neve d'ovatta,/ dal cielo più scuro della pece,/
vengono a posarsi, senza pace,/ su questa terra che tace./
Mentre batte il suono,/ la famiglia sta tutta raccolta,/
nel cuore una gioia quieta,/ che tutto sarà com'è stato.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006