PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie


NATALE A MILÁNE

di Saverio Metere

Tra poche'hé Natale!
'A nève…
'a nèbbie…
'a lucia 'mbezzenite di' lampejune,
p'i bbancarèlle
'u stocc e i capetune,
' panettone Motta
e 'u smog da' cittá':

'A ggente 'hé 'mpazzite:
spènne,
spanne.
Accatte ogne sorte de mesture
a Natale vo' fa bbella fegure
che quill'amiche
ch'u vá trevà'.

E addinte a 'sta citta'
'mmizze 'u cemente,
'hi pure stenghe, 'n bona cumpagni':
tenghe a moje, l'affette di' tre fijje
e addinte 'u core
'na serenità.

NATALE A MILANO
Tra poco è Natale!/ La neve…/ la nebbia…/ la luce sporca dei lampioni,/
sulle bancarelle stoccafisso e capitoni,/
il panettone Motta e lo smog della città./
La gente è come impazzita:/ spende,/ spande./
compra ogni sorta di mistura/
a Natale vuol far bella figura con l'amico che l'andrà a trovare./
E dentro questa città/ in mezzo al cemento,/
ci sto anch'io, in buona compagnia:/
ho la moglie, l'affetto di tre figli/ e dentro il cuore la serenità.

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006