PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

A NOTTE'

di Lino Basilico

Quande 'a notte è calate
È belle a farte 'na camenate,
nen sinde manche nu remore,
'a ggende è tutte aqquejatate
e 'n'ate jurne ca ce more
e 'n'ate palpete è passate
e 'n'ate ccungille de ceroggene
da vita tu' c'è cunzemate.
Pe' sbareiarte da i penzire
Fi nu patte c'a cuscinze,
je pèrumitte da resse degne,
accuscì, stì 'n pace dinde.
Sule allore t'arrinne cunde,
ca pu resse nu segnore
'a vite è belle se n'a scunge
cumpurtnnete da galandome.
Dope fatte 'sti penzaminde
De gude mejje a camenate"
È te sinde n'ommene, cchiù abbasate.
Guirde 'ngile e vid' i stelle
Andanne 'a lune nasce a mare"
E 'na bafe de majstre,
t'accarezze sope 'a pelle.
E 'na ddore dä cambä,
e 'na vojje de nen merì
e 'nu mumende troppe bbelle
e 'nu spettacele de ddi.

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006