PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo: le poesie

'A LOFFE

di Vincenzo Limongi

Quande dope 'na bella magnate
Te sinde 'a panze tutt'abbettate
Statte tranquille che t'aesce
O 'na loffe o 'na trecce.

A 'loffe e' brutt'assa', l'aja dice,
T'aesce zitta zitta, 'a sinde coce!
E nen'ziama' sanbassele che c'accheune 'sti 'pparla'
Te cacce 'na puzze 'ccusci' forte che 'u fi' scappa'.

Se 'a pruve 'a fa' 'nd'u litte e' troppe belle…
Sande Rocche 'a sprisce fine all'uteme che c'abbottene 'i cuperte!
Ma nen v'lesse 'a Madonne che te l'ija 'ddera'…
P'amore de ddi' ! 'na puzze che da sule te fa' bbregugna' !

Ma nenn'ija resse tutt'i vote secure secure
Senno' quandell'uteme te friche 'ngule:
Te sembre che ghe' 'na loffe e 'a sprisce tande
Che 'a mmerde t'allazzijeje tutt'i mutande!

5 Novembre 1988

 

altre poesie


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006