PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
Il vernacolo


Dizionario fonetico

Cliccando sui singoli termini si potrą ascoltare il commento esplicativo delle singole definizioni.

tra:gn

tragn [tra:gn] s.m. 1 secchio; 2 contenuto di un secchio: maj vivt nu tragn d’aqq – ho bevuto un secchio d’acqua. DIM. tragntill. ACCR. sort d tragn.

m’nnęzz

mnnezz [m’nnęzz] s.f. spazzatura, immondizia.

lzzjon

lzzion [lzzjon] s.f. 1 insegnamento di una materia; 2 ammaestramento: tutt lli mazzt j servn da lzzion – tutte quelle botte gli serviranno da lezione; 3 duro rimprovero: je aje dt na bell lzzion – gli ho dato una bella lezione.

vott

Vott [vott] s.f. botte, recipiente in legno di forma panciuta; (fig.) per indicare lo stato di una persona notevolmente ingrassata: t sģ fatt com na vott – sei diventato come una botte. DIM. vttcell.

ass’tt

Asstt’ [] v.tr. (j assett) sferrare, tirare con gran forza: mo t’assett nu’ scurcion – ora ti tiro un forte schiaffo.

ass’tt

Asstt’ [] v.intr. (j m’assett) sedere su qualcosa: mo m’assett sop a ssa segg – ora mi siedo su questa sedia

mazzę:t

Mazzt [mazzę:t] s.f. mazzata, botta, percossa data con le mani o con un bastone; (fig.) guaio, danno: ssa mazzt nn c vlev proprj – questa mazzata non ci voleva proprio.

 

Esempio di applicazione:

Dovevi prendere un secchio d’acqua ma sei rimasta seduta sulla sedia, almeno vai a buttare l’immondizia altrimenti diventi come una botte. Se non ci vai ti do una bella lezione e ti riempio di botte.

Iv a pija’ nu’ tragn d’aqq ma si rimast assittat sop sa segg almen vi a jetta’ a munnezz si no ti fi com na vott. S n’n c’ vi’ t’ deng na’ bella lzzion… t’assett nu scurcion e t’ facc’ nir nir d’ mazz’t

A cura di Basso Praticamente

pagina1 | pagina2


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006