PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
 
LA SPECOLA


Tartufi molisani DOP

di Agapito Malteni

E poi dicono che la nostra sia una terra povera. Prendiamo, ad esempio, i tartufi dell’Alto Molise, ebbene, sono tra le specie più apprezzate in Italia, roba da marchio DOP.
 
Tonino D’Alete, Michele Pietraroia, Francesco Totaro, Danilo Leva, Massimo Romano e Massimiliano Scarabeo, tutti consiglieri regionali, facenti parte dell’opposizione di Sua Maestà, dal nobile tubero hanno sicuramente ricevuto a prestito il termine col quale è classificabile il loro recente comportamento in Consiglio e dopo. Dunque, per estensione anche a loro va attribuito il marchio DOP.
 
I primi quattro, ancora con tessera Pd, senza neppure turarsi il naso hanno approvato il nuovo Statuto regionale, che, tra l’altro, prevede l’aumento del numero dei consiglieri da eleggere a 32, in più 8 assessori esterni e 1 sottosegretario. Totale: 41. Più che un traguardo, una ricca tombola. I rimanenti due al momento del voto non hanno detto né sì, né no, limitandosi coraggiosamente a squagliarsela dall’aula.
 
“Sputtanati” alla grande non solo dai loro elettori, ma da associazioni, stampa libera e gruppi organizzati, cosa ti combinano i nostri tartufeschi consiglieri? Senza la benché minima autocritica e con una di quelle capriole tanto apprezzate nei circhi, annunciano e firmano una richiesta di referendum popolare per abrogare ciò che hanno appena approvato o non apertamente contrastato.
 
I loro elettori dovranno turarsi il naso per tornare a votarli, questa volta con una di quelle efficienti mollette che usano nel nuoto sincronizzato.

(Pubblicato il 03/03/2011)

SPECOLA

Commenti

SPECOLA ELETTORALE

back


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2011 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006