PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
L'OSPITE

Personaggi della vita pubblica istituzionale e personalità della società civile esprimono la loro opinione su temi di interesse per il nostro territorio.

Migranti come untori?

di Marcella Stumpo*

La conferenza stampa organizzata da alcuni consiglieri di minoranza del comune di Termoli porta alla ribalta in un solo copione tutte le peggiori battute del teatrino anti- accoglienza.

Per sgombrare il campo da equivoci, ed evitare i soliti stucchevoli commenti (“perchè voi delle associazioni e della sinistra non ve li portate a casa vostra”ecc. ecc.), chiariamo subito che riteniamo che molti centri di accoglienza, affidati a pseudo cooperative dirette solo a lucrare su esseri umani indifesi, e spesso addirittura colluse con la peggiore malavita, creino grossi problemi e non siano certo la soluzione adatta per una situazione scottante come questa. E che siamo consapevoli delle enormi difficoltà attuali, scaturite in gran parte dall’atteggiamento di un’Europa che sta dimostrando proprio in questi giorni di essere ormai una scatola vuota piena di rumore e di nulla.

Ma da questo a sostenere che a Termoli i migranti costituiscano un’emergenza e vadano rifiutati perché “danneggiano il turismo” e disturbano il “benessere popolare” ce ne corre: c’è di mezzo la distanza siderale tra due concezioni di vita e democrazia.
Quella di chi vuole nascondere lo sporco (in questo caso uomini, donne e bambini colpevoli di venire da paesi in guerra o in miseria, ma anche senzatetto, disoccupati, diversi) sotto i tappeti buoni; e quella di chi non riesce a non vedere l’essere umano nel richiedente asilo, nel povero, nel non integrato nel sistema.
E l’abisso tra due Italie: quella che inventa i Daspo urbani e chiude i porti, e quella che al primo posto mette i servizi sociali e l’inclusione. Che resta umana, insomma.
Possibile che tra i tanti problemi nella nostra città (acqua privatizzata, riqualificazioni molto discusse e discutibili, depuratori puzzolenti e turismo che non decolla), l’unico su cui alzare barricate siano i migranti?
Sono loro l’origine di tutti i guai, loro a guastare l’immagine di Termoli, a far scappare i turisti, a creare paura e disagio tra i cittadini. Sono loro che vanno scacciati, se no che abbiamo “riqualificato” a fare il lungomare e il terzo corso?
Siamo convinti che cavalcare le paure e le insicurezze suscitate in questi anni dalla crisi e dalla sfiducia nel futuro sia francamente quanto di piùsquallido e vigliacco si possa ideare per costruirsi credito politico all’approssimarsi delle elezioni.
Parliamo invece dei ragazzi del Modenese, che sono in città da forse quattro anni e più, nella totale invisibilità, nell’assenza di qualsivoglia iniziativa di integrazione da parte delle istituzioni, anche semplice, anche embrionale, che in altri posti ha facilitato l’inserimento e permesso anche la loro partecipazione ad interventi di pubblica utilità.
Sono tra noi come fantasmi. Li incrociamo in continuazione, e se abbiamo un po’ di empatia dentroè vero che il nostro benessere popolare viene disturbato, ma dal senso di impotenza e di vergogna che si prova nel sentirsi incapaci di far qualcosa.
Questo però non è il benessere di cui si parlava nella conferenza di ieri, quello di chi vuole intorno un bel panorama bianco e omologato, non sporcato dalla diversità. Non diversità di razza, perché ormai sappiamo bene che il concetto di razza è un grossolano falso scientifico; ma diversità di cultura, di censo, di religione.

Quest’anno il concorso scolastico della Fondazione Milani, coronato da un grande successo, aveva come tema l’accoglienza; e come puntualmente succede, i ragazzi ci hanno stupito e commosso con la naturalezza del loro documentare l’integrazione possibile, quella che già c’è, per fortuna, anche da noi.
Siamo perfettamente coscienti che i grandi numeri complicano la gestione; ma siamo altrettanto consapevoli che su questo tavolo si gioca la partita più importante del nostro futuro e della nostra umanità; e che non si può vincerla con i lager per immigrati, o peggio ancora condannandoli a morte in mare o nei paesi da cui fuggono.

Sappiamo anche che dai migranti arriva un importante contributo economico a nostro vantaggio, come ben ci ha ricordato Boeri due giorni fa; e che chi agita lo spauracchio dell’invasione non conosce, o nasconde scientemente, l’entità reale delle presenze.
Gestite spesso male, certo, ma non impossibili da accogliere, se si evitano i grandi hub che invece il decreto Minniti favorisce; e si punta invece su modelli come lo SPRAR, che già garantisce professionalità e integrazione; su un sistema diffuso, in cui tutti i comuni collaborino attivamente per inserire nel tessuto di comunità piccoli nuclei. Senza contare che questa rete ha creato anche qui a Termoli tanti posti di lavoro per i nostri giovani, che altrimenti se ne sarebbero andati lontano.
Ma questo i difensori del decoro urbano e del benessere popolare preferiscono non vederlo...

Fondazione “Lorenzo Milani ONLUS”, Termoli
Associazione FACED

Termoli, 6 luglio 2017

(Pubblicato il 07/07/2017)

L'OSPITE

Commenti

L'OSPITE

back


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006