La Molisana
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Cronache
Foce Trigno, divampa il fuoco: fauna in pericolo e danni. Fiamme partite dai rifiuti abusivi
In fiamme la zona della foce del Trigno in territorio di Montenero di Bisaccia, dove le squadre del 115 sono state impegnate per ore nel tentativo, non facile, di sedare il rogo che sarebbe di natura dolosa, partito sembra da alcuni cumuli di rifiuti smaltiti illegalmente. Diversi i punti di origine trovati, dai quali si sono sprigionate le fiamme che hanno aggredito alberi e sottobosco di canne, ponendo i presupposti per seri danni all’ambiente e alle specie di uccelli che proprio in questo periodo, come dichiarato da ornitologi preoccupati per l’episodio, si riproducono.


Montenero di Bisaccia. Ancora una volta ci sarebbe la mano dell’uomo dietro la devastazione di un pezzo di “paradiso”, sebbene in balia dell’incuria e dimenticato dalle Istituzioni, malgrado gli sbandierati annunci di valorizzazione e tutela. In realtà la foce del Trigno, che è un tratto di natura incontaminata e di straordinario interesse per la presenza di fauna e flora tipiche, soffre una situazione di abbandono che la rende un tesoro facilmente vulnerabile.

Oggi 19 aprile le fiamme sono divampate per un tratto importante, al punto che le squadre dei Vigili del fuoco – a quella del distaccamento di Termoli si è aggiunta Santa Croce prima e poi anche Vasto e infine sono arrivati anche i carabinieri della Forestale – hanno fatto fatica a domare il rogo. Non solo per la conformazione dell’area, caratterizzata da percorsi abbastanza impervi e non facilmente percorribili con i mezzi di soccorso, quanto anche per le condizioni meteo. Il vento ha spinto le lingue infuocate fino alla Statale, risucchiando boschi di pioppo bianco, sottobosco di cannucce, che in un contesto del genere fungono da “miccia”, alberi e macchia mediterranea.

Insieme con gli animali all’interno, in modo particolare esemplari di uccelli di «straordinario interesse», come sostengono gli ornitologi che mai come in questo anno stanno assistendo a avvistamenti degni di nota, esemplari rari che «proprio in questo periodo si riproducono e potrebbero aver dubito danni seri dall’incendio» conferma l’esperto Nicola Norante.


Come si vede dalle immagini, scattate dal naturalista Peppo Amodeo, è stato difficile spegnere i carboni, che hanno resistito a lungo prima di cedere all’acqua.
Eattico - Pesce di Strada

Nel frattempo, in un intervento che si è protratto per l’intero pomeriggio, iiniziato intorno alle 13 quando sono arrivate le prime richieste e terminato poco prima delle 19, il vento ha spinto il fuoco dal mare alla strada, “intrappolando” proprio la zona della Foce dove, secondo le intenzioni degli amministratori regionali, dovrebbe sorgere un parco, a dimostrazione della sua bellezza e del suo interesse dal punto di vista della natura, della fauna e della flora.

L’ipotesi che si tratti di un fenomeno doloso, di un incendio appiccato dall’uomo, è avvalorato dalla presenza di diversi "punti di origine" delle fiamme. Ma soprattutto da mucchi di rifiuti smaltiti illegalmente e bruciati. Forse le fiamme sono state appiccate proprio da chi voleva disfarsi di spazzatura e ha pensato di dare fuoco ai rifiuti. Le indagini sono in corso.

(Pubblicato il 19/04/2018)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Caffettilandia - Termoli
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006