Caffettilandia - Termoli
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Società & Costume
Viaggiare gratis lavorando nelle fattorie, Molise candidato ideale al turismo agricolo
Nella nostra regione tre aziende hanno già aderito al Wwoofing, termine inglese che rimanda alla pratica di avere vitto ed alloggio all’interno di aziende agricole biologiche in cambio di manodopera. Un’ulteriore opportunità, come spiegato in un convegno al Comune di Termoli, arriva dalla nascita del primo Bio-Distretto molisano. L’associazione coinvolge 14 amministrazioni comunali, 140 operatori bio e 16 associati.


di Valentina Cocco

Carrozzeria Meale
Termoli. Chi di noi non ha mai sognato di fare un viaggio per staccare la spina dalla quotidianità senza spendere un euro? Ci sono posti unici da visitare, ma non sempre si hanno le risorse economiche a disposizione o la voglia di organizzare il viaggio. Esiste, però, un modo semplice, economico e praticoper godersi un soggiorno a contatto con la natura e con gli animali senza spendere nulla: si chiama wwoofing e permette di avere vitto ed alloggio all’interno di aziende agricole biologiche in cambio di manodopera. Raccogliere la frutta o le olive, strigliare i cavalli, zappare l’orto, mungere le mucche, imparare come si fanno il vino o l’olio e produrre miele può essere un’esperienza esaltante ed istruttiva.

E se per farlo non si spende un euro, a parte i 35 euro di iscrizione a Wwoof Italia, ancora meglio. La durata varia in base alla scelta personale, come spiega il presidente del Wwoof Italia APS Claudio Pozzi: «Può durare da una settimana a diversi mesi ed è rivolta a tutti, basta iscriversi all’associazione (dal sito www.wwoof.it) ed entrare a far parte così dei viaggiatori volontari che hanno la possibilità di scegliere una qualsiasi azienda biologica nel mondo e che attendono di essere chiamati per vivere un’esperienza indimenticabile».

Un progetto ambizioso ed estremamente interessante in cui il Molise, con i suoi diecimila ettari di coltivazioni biologiche, può diventare protagonista. Il territorio della nostra regione è perfettamente ripartito tra colline e montagne, è ricco di tradizioni, splendidi paesaggi, prodotti d’eccellenza ed aziende biologiche attente alla conservazione della storia. Al momento sono tre le aziende molisane che hanno aderito a questa iniziativa: la fattoria Di Vaira di Petacciato, con cinquecento ettari di terreno, una masseria a 4 chilometri da Sant’Elia a Pianisi che produce olio, verdura, conserve, pane ed una fattoria che si estende su 13 ettari che partecipa anche al progetto delle fattorie didattiche.

Di wwoofing si è ampiamente discusso durante un convegno che si è svolto venerdì mattina 12 gennaio nella sala consiliare del Comune di Termoli dal titolo “Wwoofing, la terra ci unisce” organizzato dallo sportello termolese Eurodesk e l’assessorato alle Politiche agricole della Regione Molise. Ad aprire il convegno è stato il vicesindaco Maria Chimisso che ha sottolineato l’importanza di questa nuova pratica per la valorizzazione turistica della nostra Regione, soprattutto attraverso il programma di sviluppo rurale, come ribadito anche dall’assessore alle politiche agricole Vittorino Facciolla.

«Il programma di sviluppo rurale ci fornisce la possibilità di investire sul capitale umano, grazie alla sensibilità delle aziende agricole sparse sul territorio, per far conoscere il nostro magnifico territorio. Il ruolo della politica è proprio questo: dare ascolto alle esigenze degli imprenditori locali ed aiutarli a realizzare i loro progetti». Uno degli aspetti positivi del wwoofing è anche quello di evitare l’abbandono delle terre in favore delle città ed evitare l’omologazione della produzione.

Di questo avviso è il professor Rossano Pazzagli dell’Università degli studi del Molise e presidente dei corsi di laurea in Scienze Turistiche e Beni Culturali: «Siamo cresciuti con l’idea dell’omologazione, perdendo il contatto con la natura. Dobbiamo riconnettere la città con la campagna per evitare la morte di quest’ultima, dobbiamo ricostruire le relazioni tra queste due realtà per riappropriarci dell’autenticità delle cose.
Dal turismo di massa abbiamo raccolto benefici e difetti, soprattutto quelli legati all’impatto ambientale ed alla perdita delle identità locali ed abbiamo l’esigenza di riscoprire un turismo più rispettoso. Non ci sono più luoghi da scoprire, perché ormai si può essere ovunque semplicemente utilizzando un computer. Il Wwoofing ci permette di uscire dalla massificazione e ci permette di conoscere ed apprezzare le specificità del luogo, semplicemente viaggiando».

Parlando di viaggio è bene sottolineare che le opportunità di mobilità educativa per i giovani termolesi non mancano. Grazie all’ufficio Europa del Comune di Termoli i ragazzi possono avere informazioni sui programmi europei disponibili relativi alla mobilità europea, come ad esempio il progetto Erasmus.
Un ulteriore passo verso questa nuova modalità di turismo è stato fatto ad ottobre con la nascita del primo Bio-Distretto molisano. L’associazione, in continua espansione, coinvolge 14 amministrazioni comunali, 140 operatori bio e 16 associati tra tradizione ed innovazione, per la gestione sostenibile delle risorse territoriali nell’ottica di un’agricoltura biologica ed ecologica. È in questo contesto che i wwoofers potranno scoprire il patrimonio enogastronomico della nostra terra, aiutando il Molise ad uscire dall’anonimato in cui troppo spesso si identifica.

Qualcuno ha lanciato l’allarme per il pericolo di sfruttamento di manodopera, ma è importante sapere che il wwoofing non è uno strumento che permette alle aziende di ovviare alla carenza di personale, ma rappresenta piuttosto uno scambio alla pari di esperienze e conoscenze. C’è da sottolineare che ogni wwoofer ha la possibilità di riportare comportamenti scorretti subìti, compreso lo sfruttamento, all’associazione nazionale che provvederà a rimuovere l’azienda dall’elenco delle organizzazioni.

(Pubblicato il 13/01/2018)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006