PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Cronache
"Ti sciolgo nell’acido", poi insulti e pestaggi. Allontanato compagno violento
Un pluripregiudicato di 49 anni di Campobasso è stato allontanato dalla compagna rumena di 26 anni dopo che per anni l’ha tormentata con botte, insulti, umiliazioni e minacce. L’epilogo quando la donna è stata costretta alle cure del Pronto soccorso e la spirale di violenza ha iniziato a ripercuotrsi anche sulle due figlie della donna


Casa vacanze Termoli
Campobasso. Dalla Romania aveva scelto di vivere in Italia con le sue due figlie minori.
Poi la strada l’aveva portata in Molise dove aveva trovato lavoro in un’azienda agricola e dove aveva trovato anche l’amore. O presunto tale.

Ha solo 26 anni - e due bambine che frequentano la scuola media - la donna che per anni (a partire dal 2013) è stata oggetto dei maltrattamenti del 49enne che credeva "il principe azzurro".
Ci sono volute botte, traumi e ferite per invogliarla a denunciarequello che subiva fino a quando la Squadra Mobile su disposizione del sostituto procuratore ha notificato al pluripregiudicato l’ordinanza cautelare del divieto di avvicinamento alla compagna e alla sue figlie.
Lei aveva perdonato la prima sberla. E poi anche l’insulto. Aveva continuato a perdonare finanche quando le botte sono diventate ordinarie. E questo ha reso difficile il prosieguo degli accertamenti investigativi fino a quando i fatti sono diventati tanti e tali da dover intervenire prima che il delirio sfociasse in tragedia.

La Squadra Mobile ha documentato quando l’uomo ripetutamente apostrofava la 26enne epiteti offensivi ed umilianti. E poi giù con le botte, i calci, i pugni.

La spirale di violenza ha finito con il travolgere anche le due bambine delle donne sottoposte a offese gratuite e umiliazioni continue.
E’ arrivato persino a minacciare la giovane donna di sfigurarla con l’acido e di ammazzarla, per gelosia, presumendo che la donna potesse avere un amante.
E aveva preso a pedinarla.


Fino a quando è arrivato il ricovero al pronto soccorso per contusioni multiple, un trauma cranico, un trauma contusivo allo zigomo e alle ossa nasali. E in quella occasione, l’uomo finì col ferire afferrando un coltello da cucina, anche un familiare della donna che aveva cercato di difenderla dalle botte.

Pur sottoposto alla sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza, al fine di pedinare la compagna, il 49enne non ha rispettato neanche le prescrizioni imposte omettendo di rincasare entro le 20, di rispettare le leggi e di non allontanarsi dalla sua abitazione.
Il sostituto procuratore Giuliano Schioppi a fronte degli elementi raccolti dalla squadra mobile di via Tiberio ha dunque richiesto la misura cautelare al Gip che ha firmato immediatamente.

(Pubblicato il 28/12/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006