Planner Sposi
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Spazio Relax
 
Guarda il video
Il molisano Carozza conquista i giudici a The Voice Russia: "Per i sogni volo anche all’estero"
Davanti ai quattro giudici rigorosamente seduti e di spalle, Antonello Carozza, molisano e unico italiano nel cast del programma musicale, ha conquistato un posto in trasmissione. Il trentaduenne di Campobasso, dopo un’esperienza ad Amici e all’Eurovision Song Contest come giurato, è salito sul palco in abito scuro elegante e papillon, si è seduto al pianoforte e ha intonato "Il mondo" di Jimmy Fontana. Le note e la sua voce hanno conquistato anche il pubblico oltre ai quattro esperti che lo hanno ascoltato in religioso silenzio fino ad esplodere in un applauso e a schiacciare il pulsante per farlo divenire un concorrente a tutti gli effetti. E lui ha risposto in russo e in inglese e ha raccontato di aver cantato in numerose occasioni nella loro terra.


di Elena Berchicci

In abito scuro e papillon è salito sui gradini che conducono al palco, ha salutato con un cenno della testa l’orchestra, il numeroso pubblico e anche i giudici, che come vuole la tradizione di The Voice, sono rigorosamente accomodati sulle grandi poltrone rosse ma di spalle. Non vedono, ma sentono perfettamente chi canta. E per Antonello Carozza, il trentaduenne nato a Campobasso, hanno ascoltato una voce che ha saputo interpretare alla perfezione un brano storico della tradizione musicale italiana. Antonello si è seduto al grande pianoforte nero posizionato al centro del palco e ha suonato e intonato “Il Mondo” di Jimmy Fontana. Chissà però se pubblico e giurati hanno compreso quelle parole, scritte nel 1965 e ancora attuali, tanto da essere scelte da un trentenne per l’occasione di una vita, visto che il programma televisivo non è quello della versione italiana in onda da qualche anno su Rai Due, ma quello sulla tv russa.

Stesso format, stesso programma, stesse regole: Antonello Carozza ha tentato un nuovo talent, dopo la sua partecipazione ad Amici nel 2006, ma questa volta non in terra italiana, bensì in Russia, dove non è la prima volta che arriva per cantare. Nel 2009 infatti aveva partecipato come concorrente al New Wave Festival, un festival estivo molto popolare trasmesso sul canale statale, ottenendo il secondo posto e tornando poi nel 2012 come produttore di un altro molisano Costanzo Del Pinto.

«Ero molto emozionato – ha raccontato in una telefonata Termoli-Bergamo, dall’aeroporto in attesa di imbarcarsi per Mosca – ero terrorizzato perché sapevo che c’erano pochi posti disponibili nelle squadre, ormai le audizioni, le Blind, stavano per concludersi e quindi ero consapevole del fatto che avrebbero scelto con maggior accuratezza, girandosi solo per chi li avrebbe colpiti con la sua voce. Di fronte a tanta gente ho cantato e non nego che mi tremavano le gambe anche perché loro sono seduti e sono di spalle, in quel momento sei nudo, solo con la tua voce e devi impegnarti tanto. Ma quando ho visto che si erano girati in due ho tirato un sospiro di sollievo, ce l’avevo fatta almeno ad entrare».

Impossibile sapere a che punto del suo nuovo percorso sia, «per esigenze di contratto», ma visto che è in viaggio per Mosca, qualcosa bolle in pentola e deve essere di sicuro qualcosa di buono legato al talent russo tra i più seguiti e trasmesso su Channel One il venerdì sera.

Di russo invece sa poco, «giusto qualche parola, ma ho il traduttore che è il mio manager Vladislav Yakovlev, oppure parlo in inglese, lì amano e apprezzano le cose italiane, per questo hanno buon gusto e infatti amano la nostra musica, perciò ho portato quel brano, lo conoscono perché è stato interpretato anche dai tenori, come Bocelli».


La sua coach è Pelageya, «una cantante folk rock russa molto molto famosa, ha inaugurato i Giochi Olimpici Invernali di Sochi nel febbraio del 2014 durante la cerimonia di apertura, mentre Dima Bilan ha vinto nel 2009 l’Eurovision Song Contest a Belgrado e l’anno successivo è stato organizzato lo stesso evento in Russia, il più costoso della storia. Poi ci sono Alexander Gradsky e Leonid Agutin, un cantante, produttore, arrangiatore. Sono tutti molto famosi in Russia e molto apprezzati, il bello è che sono diversi tra loro e questo permette di vedere sul palco tanti stili per le differenti scelte dei coach».

La sua famiglia lo appoggia, «come in tutto quello che faccio, certo - aggiunge - non è certo come quando ho chiamato per dire loro che ero a Sanremo». Ci torneresti? «Mi sto allontanando da lì, adesso sono all’estero e sono stato selezionato come unico italiano tra diecimila candidati. Le mie soddisfazioni le ho avute in Italia, ultima in ordine cronologico l’Eurovision Song Contest per cui sono stato nominato dalla Rai e da professionisti che organizzano Sanremo come presidente della giuria italiana, ho raggiunto il massimo della notorietà perchè mi è stata riconosciuta la professionalità e di questo non posso che essere felicissimo».

(Pubblicato il 29/10/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Chateau dAx
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006