PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Spazio Relax
 
Occupazione
Dopo nuovi imprenditori e tirocini, bando da 14 milioni per aziende "al passo coi tempi"
La Regione Molise ha pubblicato oggi un bando da 14 milioni di euro per favorire ristrutturazioni e cambi di macchinari di aziende già esistenti, oltre che per favorire nuove realtà. Sono 10 i milioni per le ditte dell’Area di crisi complessa, mentre altri 4 vanno al resto del territorio regionale. «Due linee guida: territorialità e anzianità dell’impresa» afferma l’assessore regionale al Lavoro, Carlo Veneziale.


Un bando da quattordici milioni di europer favorire gli investimenti e accompagnare le aziende nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione. Pubblicato da questa mattina sul Burm, il bollettino ufficiale della regione, è «una misura con cui vogliamo incentivare la nascita di nuove aziende e aiutare la crescita di quelle esistenti, puntando a migliorare la produttività e la competitività delle imprese per rilanciare e sviluppare il tessuto economico della nostra regione. Una dotazione finanziaria importante che riserva un’attenzione particolare ai comuni ricadenti nell’area di crisi, a cui è assegnata una riserva finanziaria di dieci milioni di euro» dichiarano il Presidente Paolo Frattura e l’Assessore alle attività produttive Carlo Veneziale.

I quattordici milioni di euro, che fanno parte dei fondi Por Fesr Fse Molise 2014-2020, sono così ripartiti: 10 milioni di euro sono a favore delle imprese localizzate nel territorio dell’Area di crisi complessa Venafro - Campochiaro - Bojano, di questi 3 milioni di euro sono destinati a favorire la nascita di nuove imprese. I restanti 4 milioni di euro sono destinati per i comuni fuori dall’area di crisi.

Anche qui vi è una suddivisione degli investimenti: 1 milione di euro sono previsti per le creazione di nuove imprese, tre milioni per il sostegno e il rafforzamento delle imprese già presenti sul territorio. Come? Attraverso l’acquisto, ad esempio, di nuovi macchinari e attrezzature ma anche di immobili. «Ancora una volta investiamo nelle aziende, convinti che il ruolo della politica sia quello di fornire strumenti validi e certi agli imprenditori e a chi, realizzando i propri progetti, imprenditore vuole diventare».

L’avviso pubblico, Misura 3.1.1, è destinato a piccole e medie imprese e liberi professionisti, nonché ai soggetti che intendano costituire una nuova impresa o avviare una nuova attività come libero professionista nel territorio molisano. «L’avviso/bando ha due linee guida su cui si sviluppa: territorialità e anzianità dell’impresa– afferma l’assessore regionale al Lavoro, Carlo Veneziale -. La suddivisione in area di crisi complessa e non complessa permette di diversificare l’investimento economico e andare incontro alle esigenze di ognuno. Investimento, quindi, che terrà conto anche dall’anzianità dell’impresa. Il tutto, senza dimenticare i nuovi imprenditori, le nuove leve dell’imprenditoria regionale che vanno sostenute».

I titolari delle imprese interessate potranno inviare la loro richiesta di finanziamento dal 18 ottobre in poi, quando si aprirà una fase di 45 giorni per la raccolta delle domande, seguendo tutte le indicazioni presenti sul bando (che è consultabile anche sul sito della Regione Molise). Dopodiché, alla chiusura dei termini di presentazione, una commissione apposita valuterà e verificherà la regolarità di tutte le domande pervenute e stilerà una graduatoria nella quale verranno identificati i progetti ammissibili o meno al finanziamento.


«Verranno valutati progetti imprenditoriali sino a un massimo di 1 milione e mezzo di euro di fondi regionali finanziabili al 50 per cento». Inoltre, sempre dal 18 ottobre sino al 17 novembre tutte le aziende facente parti dell’area di crisi complessa, in base alle legge 187 che le regolamenta, potranno fare richiesta per poter accedere ai fondi messi a disposizione dal Governo. «Tecnicamente una stessa azienda può accedere a entrambi i fondi di sostegno all’imprenditoria, tuttavia - conclude Veneziale - ci sono dei parametri da valutare e da tener conto». Per questo secondo rubinetto economico, i fondi progettuali sono superiori al milione e mezzo di euro.

«Credere nello sviluppo del Molise - concludono Frattura e Veneziale - vuol dire sostenere chi contribuisce alla crescita del Molise, chi ha voglia di innovare e di mettere in campo idee innovative nella nostra regione. Solo così potremo costruire un’opportunità concreta per tutti, lavorando per la competitività e l’attrattività del territorio».

Il provvedimento pubblicato oggi segue quello sull’autoimprenditorialità e il bando per i tirocini over 30 che nelle scorse settimane hanno fatto registrare un boom di domande.

(Pubblicato il 02/10/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006